• Google+
  • Commenta
8 marzo 2013

Studenti transgender – Università Pisa: ristampa lauree dopo richieste di studenti transgender

Università degli Studi di PISA – L’Università di Pisa apre alla ristampa della laurea col nuovo nome

Nei giorni in cui sui giornali emergono storie e problematiche relative agli studenti transgender, l’Università di Pisa tiene a sottolineare il proprio impegno nell’affrontare questo tipo di tematiche, ricordando un significativo traguardo raggiunto dall’Ateneo pochi mesi fa.

Dopo aver ricevuto numerose richieste per la ristampa dei diplomi di laurea da parte di studenti transgende che avevano proceduto alla rettificazione dell’attribuzione di sesso, lo scorso giugno l’Ufficio legale dell’Università di Pisa ha inoltrato un’interrogazione al Garante per la protezione dei dati personali, chiedendo che sulla ristampa non comparisse l’annotazione in calce al diploma che riportava la sentenza e il nuovo nome dell’interessato, come previsto dalla normativa.

Con il provvedimento 341 del 15 novembre 2012, il Garante ha accolto la modalità proposta dall’Università di Pisa: in presenza di una sentenza del tribunale passata in giudicato, il diploma di laurea potrà essere ristampato con i nuovi dati anagrafici, escludendo l’annotazione della sentenza che motiva la ristampa.

“Per il nostro Ateneo è stato un successo – commenta Rosalba Tognetti, prorettore per gli Studenti – Dopo il provvedimento, il Garante per la privacy ha prescritto alle altre università italiane l’adozione della soluzione proposta dall’Università di Pisa e ha inoltre ritenuto di dover trasmettere il provvedimento al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nonché alla Conferenza dei Rettori delle Università italiane”.

È invece ancora aperta la questione che riguarda la possibilità di rilasciare il doppio libretto alle persone che hanno iniziato il percorso di transizione per la rassegnazione chirurgica del sesso ex L. 164/82 e che però hanno già modificato il loro aspetto fisico. Anche su questo fronte, l’Università di Pisa è impegnato a trovare una soluzione: già da tempo, è stata inoltrata un’interrogazione al Garante della privacy, in cui si chiede un’indicazione precisa sui provvedimenti da adottare per garantire allo studente la tutela della privacy e in particolare se sia praticabile la soluzione di rilasciare agli studenti transessuali due libretti universitari, uno con i dati anagrafici reali e uno con i dati anagrafici “futuri”, indicati dallo studente ma non ancora autorizzati da una sentenza di tribunale.

Il Garante ad oggi non ha fornito una risposta scritta, ma è comunque nostra intenzione proseguire l’iter aperto con questa interrogazione.

“Nell’attesa della soluzione “normativa” – conclude la professoressa Tognetti – da parte dell’Università c’è piena disponibilità all’ascolto e alla discussione di questo tipo di problematiche, in linea con la politica di dialogo e interlocuzione con tutti i suoi studenti e nell’ottica di poter trovare insieme soluzioni concrete praticabili”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy