• Google+
  • Commenta
5 dicembre 2012

UniPi – Con “Dr.Drin” le tecnologie informatiche si mettono al servizio dei malati

Università di Pisa – È una delle idee di innovazione sociale risultate vincitrici al concorso “La tua idea per il Paese”, la competizione promossa dall’Associazione ItaliaCamp in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e 60 università nazionali, che lo scorso fine settimana, nell’ambito degli “Stati Generali del Centro Nord”, ha premiato a Verona i migliori progetti tra i 120 presentati.

L’idea si chiama “Dr.Drin” ed è stata sviluppata dal team “BioCare Provider” formato da giovani provenienti dall’Università di Pisa e dalla Scuola Superiore Sant’Anna: “Il nostro progetto nasce dal desiderio di mettere le più moderne tecnologie informatiche al servizio dei malati”, spiega Francesca Sernissi, laureata in Chimica e tecnologia farmaceutiche e dottore di ricerca all’Università di Pisa.

“Oltre a migliorare le condizioni di salute e di vita dei pazienti – in particolare i malati cronici che hanno difficoltà ad assumere regolarmente i farmaci – “Dr.Drin” permette di ottenere al contempo una riduzione della spesa a carico del sistema Sanitario Nazionale”.

L’idea di “Dr.Drin” è nata nell’ambito dell’edizione 2011 del PHD Plus, il percorso formativo promosso dall’Università di Pisa per diffondere lo spirito imprenditoriale tra i dottorandi e stimolare le loro capacità imprenditoriali: “L’idea è stata sviluppata partendo dal concetto che ricordare a un paziente quando assumere i farmaci non è sufficiente”, spiega Francesca Sernissi. “Il paziente deve essere innanzi tutto motivato, quindi seguito, e per rispondere a queste esigenze sono stati realizzati un insieme di servizi online e applicazioni, fruibili sia attraverso dispositivi mobili (smartphone e tablet), che da un comune pc”.

Ciò che rende Dr.Drin unico è però la possibilità di creare un nuovo canale comunicativo tra medico e paziente in grado di coinvolgere anche i familiari e i caregiver, facilitando il monitoraggio dell’aderenza del paziente alle singole terapie prescrittegli. Nel prossimo futuro Dr.Drin sarà disponibile anche in versione di dispositivo medico, studiato per rispondere alle esigenze di persone tecnologicamente meno esperte.

Il team “BioCare Provider” si compone oggi di 8 validi professionisti dei settori farmaceutico e ICT. A partire dal 2011, il team ha partecipato a varie competizioni (Start Cup Toscana 2011, PhDplus 2011, Il Talento delle Idee 2012) con ottimi risultati e suscitando un interesse sempre crescente, culminato nel raggiungimento della fase finale di Intel Business Challenge Europe 2012, nell’ambito della quale il team si è classificato nei primi 9 posti tra più di 4000 proposte.

Oltre a Francesca Sernissi, nel gruppo ci sono Sara Bendinelli, anche lei laureata in Chimica e tecnologia farmaceutiche e dottore di ricerca all’Università di Pisa, Mauro Marinoni, ingegnere informatico attualmente ricercatore a contratto presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Antonio Mancina, laureato in Ingegneria informatica all’Università di Pisa e dottore di ricerca presso la Scuola Sant’Anna, Raffaello Brondi, laureato in Informatica all’Università di Pisa, dottorando presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Filippo Bannò, ingegnere informatico attualmente dottorando presso la Scuola Sant’Anna, Daniele Sartiano, laureato in Informatica attualmente assegnista di ricerca presso il dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa, e Christian Castelli, laureato in Comunicazione digitale all’Università di Milano.

Al concorso “La tua idea per il Paese”, dedicato alle 13 regioni del centro nord, “Dr.Drin” è risultata vincitrice per il Trentino Alto Adige. Le 2 idee vincitrici di ogni regione coinvolta saranno inserite all’interno di un’idea programma che ItaliaCamp a gennaio sottoporrà al Governo

Google+
© Riproduzione Riservata