• Google+
  • Commenta
31 maggio 2013

Asl Università Aquila. Sancito accordo Asl Università Aquila: approvazione degli organi accademici

Università degli Studi de L’AQUILA – Gli organi accademici approvano l’accordo Asl Università Aquila. Il rettore di orio: un decisivo passo avanti nei rapporti Asl Università Aquila

«E’ stato sancito il principio di leale collaborazione tra le due istituzioni. Sono stati portati a 74 il numero di medici universitari convenzionati, con il nuovo convenzionamento di numerosi ricercatori universitari. Saranno così garantiti servizi sanitari sempre più qualificati a tutti i cittadini non solo abruzzesi»

Gli organi accademici dell’Università dell’Aquila hanno approvato l’atto aggiuntivo al protocollo d’intesa tra Asl Università Aquila, firmato il 6 maggio dal rettore prof. Ferdinando di Orio e dal Direttore Generale ASL dott. Giancarlo Silveri: il Senato Accademico, nella seduta del 28 maggio, con un solo voto contrario e due astenuti; il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 29 maggio, all’unanimità.

Esprime la sua piena soddisfazione il rettore dell’Università dell’Aquila prof. Ferdinando di Orio: «La stipula del nuovo accordo convenzionale tra Asl Università Aquila segna un decisivo passo avanti nei rapporti convenzionali tra le due istituzioni. Sono arrivate a soluzione le principali questioni aperte che da anni erano sul tappeto e sono state poste le condizioni perché la sanità aquilana possa corrispondere in pieno alle esigenze di tutti i cittadini, non solo abruzzesi».

«Moltissimi sono i punti innovativi del nuovo accordo» – continua il rettore di Orio «a cominciare dal principio della leale collaborazione, che rappresenta la base fondamentale su cui costruire rapporti costruttivi tra le due istituzioni. Sarà così possibile, ad esempio, in caso di vacanza della figura apicale di Unità operative assistenziali a direzione universitaria od ospedaliera, procedere d’intesa all’individuazione del professionista, universitario od ospedaliero, ritenuto idoneo a ricoprire tale ruolo».

Dal punto di vista dell’Università, il nuovo accordo Asl Università Aquila porta a 74 il numero di medici universitari convenzionati, il numero più alto raggiunto in tutta la storia dei rapporti convenzionali tra ASL e Università.

«Vorrei sottolineare, in particolare» – dichiara ancora il rettore di Orio «che il nuovo accordo Asl Università Aquila sana finalmente moltissime situazioni, che si trascinavano da anni, che riguardavano molti colleghi universitari convenzionati a titolo gratuito. E’ stato previsto, inoltre, il nuovo convenzionamento di molti ricercatori universitari, che apporteranno nuove competenze assistenziali al sistema sanitario aquilano».

«Non sarebbe stato possibile raggiungere questo importante risultato» – conclude il rettore di Orio «senza la leale e fattiva collaborazione del Direttore Generale ASL, dott. Giancarlo Silveri e senza l’impegno di tutti i membri della Commissione Paritetica, sia della componente ospedaliera, dott. Libero Colitti, dott.ssa Patrizia Masciovecchio, dott. Loreto Lombardi, sia della componente universitaria, prof. Claudio Ferri, prof. Carlo Masciocchi, prof. Giovambattista Desideri. A tutti loro va il ringraziamento non solo dell’istituzione universitaria ma anche di tutti i cittadini, che potranno ora usufruire dei servizi di una sanità aquilana sempre più qualificata».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy