• Google+
  • Commenta
31 maggio 2013

Summer school di Fisica 2013. Al via college estivo summer school Unimore

Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA – Summer school di Fisica 2013

Al via il college estivo di fisica summer school promosso dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. L’iniziativa “Fare fisica 2013” accoglierà, da lunedì 3 giugno per una settimana, 30 studenti del quarto anno di scuola media superiore presso la sede di Fisica del Campus di via Campi per una full immersion di una settimana in lezioni e laboratori.

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia propone per il quarto anno consecutivo “Fare Fisica”, l’iniziativa summer school che offre l’opportunità per 30 studenti del quarto anno di scuola superiore di mettere alla prova la loro curiosità e il loro interesse per la scienza, partecipando ad una settimana di stage guidato presso i laboratori di ricerca del Dipartimento di Scienze Fisiche, informatiche e Matematiche e del Centro di Ricerca CNR-NANO S3 di Modena.

L’iniziativa summer school, che si inscrive nell’ambito del Progetto Lauree Scientifiche del MIUR, punta a stimolare competenze e motivazioni negli studenti attraverso lezioni di fisica moderna, seminari, incontri con laureati nella materia. Nella settimana di summer school i ragazzi potranno calarsi nei panni dei ricercatori universitari, osservando da vicino cosa avviene in un laboratorio e toccando con mano esperimenti e tecnologie.

La summer school di Fisica, che si terrà presso l’edificio di Fisica (via Campi, 213) a Modena, inizierà lunedì 3 giugno alle ore 14.30 con l’approfondimento de ”Interazione elettromagnetica e relatività – prima parte” tenuta dal prof. Carlo Calandra, mentre alle ore 16.00 gli studenti saranno invitati a riflettere su “La ricerca del bosone di Higgs al CERN di Ginevra con l’acceleratore LHC” con il prof. Andrea Bizzeti. Il giorno dopo martedì 4 giugno ci si soffermerà ancora su “Interazione elettromagnetica e relatività – seconda parte” tenuta dal prof. Carlo Calandra ed alle ore 16.00 il prof. Carlo Jacoboni spiegherà “La fisica dei quanti – prima parte”. Mercoledì 5 giugno alle ore 14.30 si terrà la seconda parte de “La fisica dei quanti” ed alle ore 16.00 la prof.ssa Franca Manghi illustrerà la prima parte di “Fisica della materiaI”. Il programma per gli studenti iscritti alla summer school proseguirà giovedì 6 giugno con la lezione del prof. Carlo Jacoboni sulla terza parte de “La fisica dei quanti”, mentre alle ore 16.00 la prof.ssa Franca Manghi tratterà la seconda parte di “Fisica della materia”. Si continua venerdì 7 giugno con alle ore 14.30 la prof.ssa Elisa Molinari che proporrà “Uno sguardo sulle nanoscienze” ed alle ore 16.00 il prof. Filippo Troiani che si intratterrà su“Atomi e fotoni in cavità: il premio Nobel per la fisica 2012”. La scuola si concluderà sabato 8 giugno alle ore 9.00 con l’intervento del prof. Guido Goldoni che illustrerà la “Professione fisica: incontri con il mondo del lavoro” ed alle ore 11.30 il prof. Stefano Ossicini che parlerà ai ragazzi di “Scoperte scientifiche e società”.

FareFisica – ha dichiarato la dott.ssa Valentina De Renzi del comitato organizzatore dell’iniziativa – è alla sua quarta edizione. Durante ognuna delle passate edizioni hanno partecipato circa una quarantina di studenti selezionati tra oltre un centinaio di domande provenienti da tutta Italia. Anche quest’anno i partecipanti avranno la possibilità di passare una settimana a stretto contatto con ricercatori e studenti del Dipartimento, prendendo parte in prima persona ad esperimenti e simulazioni numeriche concepite per indagare le proprietà della materia su scala nanometrica. Il nostro college vuole essere una finestra aperta sulla ricerca di frontiera in Fisica della Materia, che dia la possibilità agli studenti di conoscere da vicino le principali idee e tecniche usate nell’attuale attività di ricerca teorica e sperimentale”.

L’iniziativa summer school si avvale del patrocinio dei Comuni di Modena e di Reggio Emilia e del contributo offerto dagli editori Zanichelli e Sironi.

Google+
© Riproduzione Riservata