• Google+
  • Commenta
6 giugno 2013

Classifica Università dove conviene studiare. Classifica università RANK UE europe ranking

Classifica università RANK UE – Bologna, Roma, Milano le migliori Università nel rapporto costo qualità.

Confronto tra facoltà italiane di medicina, biologia, economia e ingegneria meccanica

E allora dove conviene studiare secondo la classifica università RANK UE? Studiare in Italia? Conviene farlo a Bologna.

E’ quello che emerge sulla base della classifica università (Universities Europe Ranking), l’indice creato dal sito Universities Europe per definire il tasso di convenienza delle università europee.

Lo staff del portale Universities Europe ha confrontato le facoltà di Economia, Medicina, Ingegneria Meccanica e Biologia italiane, calcolandone il livello di qualità rispetto al costo: la convenienza, appunto.

Le facoltà italiane di economia sono 42, quelle di medicina sono 36, quelle di biologia 34 mentre quelle di ingegneria meccanica sono 28.

Bologna risulta la migliore in tutte e quattro le facoltà rispetto alla classifica università RANK UE, da questo punto di vista, essendo piazzata a metà classifica a livello di qualità in confronto alla media europea, ma con costi relativamente molto bassi. A seguire, la Sapienza di Roma e l’Università degli studi di Milano.

La classifica università RANK UE è ottenuta mettendo in relazione, attraverso un algoritmo, il costo annuale delle facoltà con il posizionamento delle rispettive nel ranking universitario QS per area (2012)*.

La classifica università RANK UE varia tra 1 e 144. Più il valore è prossimo a 1 più è conveniente studiare nell’università di riferimento. Invece, più il valore è prossimo a 144 più il livello di convenienza risulta essere basso.

Sulla base della classifica università RANK UE emergono le seguenti conclusioni:

Classifica Università per convenienza: tutti gli atenei Italiani presenti <<< clicca e scarica

  • 17 delle 36 Università Italiane (il 47%) appaiono nel ranking internazionale QS 2012 per la disciplina medicina.
  • 16 delle 34 Università Italiane (circa il 47%) appaiono nel ranking internazionale QS 2012 per la disciplina biologia.
  • 17 delle 42 Università Italiane (circa il 40%) appaiono nel ranking internazionale QS 2012 per la disciplina economia.
  • 15 delle 28 Università Italiane (circa il 54%) appaiono nel ranking internazionale QS 2012 per la disciplina ingegneria meccanica.
  • Un alto livello di tasse accademiche non corrisponde necessariamente a un alto posizionamento nel ranking QS. Ad esempio:

Per quanto riguarda le facoltà italiane di medicina rispetto alla classifica università RANK UE, l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum, con un ammontare massimo di tasse accademiche di poco superiore ai €2,000 annuali e al 194° posto del ranking qualitativo QS, è l’università più conveniente dove studiare in Italia in termini di qualità/costo. Il valore del suo UE Ranking è infatti pari a 60. La meno conveniente risulta essere l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano con un UE Ranking è pari a 134; tale motivo è spiegato sia dalla sua mancata presenza nel ranking QS sia dall’alto valore delle tasse accademiche (pari a €30,000 annuali). In posizione intermedia troviamo invece l’Università degli Studi di Genova che, posizionandosi al 501° posto nel ranking QS, ha un costo relativamente alto in termini di tasse accademiche (€2,353.62 l’anno). Il suo UE Ranking è pari a 98.

Anche per la facoltà di biologia rispetto alla classifica università RANK UE, l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum, è l’università più conveniente. L’Università degli Studi dell’Insubria – Varese e Como è invece quella con il più basso indice di convenienza (il suo UE Ranking ha un valore pari a 112). Il motivo è da ricercarsi sia dalla mancata presenza nel ranking QS sia dall’alto valore delle tasse accademiche. Le stesse sono pari a €3,655 annuali. In posizione intermedia troviamo l’Università degli Studi di Bari. Posizionandosi al 601° posto nel ranking QS, ha un valore in termini di tasse accademiche pari a €1,032.80 l’anno. Il suo UE Ranking è pari a 98.

Bologna in testa anche per economia rispetto alla classifica università RANK UE, migliore università per quanto riguarda il rapporto qualità/costo, grazie ai costi ridotti rispetto alla qualità della formazione (€1,814 annuali). Il suo indice UE è 59. La Sapienza di Roma (UE Ranking 63) e l’Università di Milano (UE Ranking 71) sono al secondo e terzo posto, entrambe con costi e ranking QS maggiori rispetto a Bologna. L’Università Bocconi è in fondo alla classifica, a causa dei costi molto alti e dell’assenza dal ranking QS. E’ bene precisare, però, che quest’ultima caratteristica è relativa solo al ranking QS per area: se venisse preso in considerazione, viceversa, il ranking QS per disciplina, la posizione in classifica della Bocconi sarebbe molto più alta.

L’ultima facoltà esaminata, ingegneria meccanica, vede al primo posto di convenienza secondo la classifica università RANK UE ancora una volta l’Università di Bologna Alma Mater Studiorum. A livello intermedio troviamo l’Università degli Studi di Trento, che è la più costosa in Italia (€2,800.62 l’anno) ma è posizionata al 451° posto nel ranking QS ed ha quindi un UE Ranking di 94. L’università con il più basso indice di convenienza è l’Università degli Studi di Cagliari; il suo UE Ranking è pari a 108. Tale motivo è spiegato sia dalla mancata presenza nel ranking QS (per convenzione è assegnato il 602° posto), sia dalle tasse accademiche non molto basse. Queste ultime sono pari a €2,653.40 annuali.

* I ranking universitari QS per materia sono ranking internazionali delle migliori università del mondo, suddivisi in base alla relativa disciplina. I numeri precedentemente esposti indicano la posizione della Facoltà nel ranking 2012 in relazione all’area selezionata.

**Disclaimer:  Le informazioni qui contenute sono di carattere puramente informativo. Non devono pertanto essere considerate suggerimenti di carattere finanziario o professionale. Si consiglia di non basarsi esclusivamente su tali informazioni per scopi decisionali; è bene utilizzarle come punto di partenza di una ricerca effettuata in maniera autonoma. Il materiale presente nel sito proviene da una vasta gamma di fonti e da altri siti web. Riteniamo che queste fonti di dati siano generalmente accurate e affidabili, sebbene a volte potrebbero non esserlo. Non facciamo affermazioni o dichiarazioni circa l’esattezza, la completezza o la verità di qualsiasi materiale contenuto nel nostro sito. Non siamo responsabili di eventuali errori contenuti o della trasmissione dei dati del nostro sito. L’utente accetta che la società non potrà essere ritenuta responsabile per qualsiasi decisione presa o per qualsiasi azione intrapresa da lui stesso o da altri facendo affidamento su notizie, informazioni, o qualsiasi altro materiale pubblicato nel nostro sito web.

Google+
© Riproduzione Riservata