• Google+
  • Commenta
8 ottobre 2013

Motor Show 2013. Cancellato il Motor Show di Bologna: nel 2014 si pensa Milano

Il Motor Show, l’evento degli appassionati dei motori, la manifestazione delle quattro e due ruote viene cancellato. Annullato il Motor Show di Bologna previsto per dicembre a causa della crisi dell’auto.

Motor Show

Motor Show

Avremmo dovuto aspettarcelo, era nell’aria, un ennesimo colpo di scopa della crisi. Una crisi che già da qualche tempo sta minacciando il settore automobilistico il quale inevitabilmente deve scoprire mercati più pronti sui quali investire.

E’ in questo modo che il Motor Show di Bologna 2013 che si sarebbe dovuto tenere tra il 7 ed il 15 dicembre dopo quarant’anni è stato annullato dalla storica data.

Il Motor Show, infatti, è una manifestazione (salone dell’auto e della moto) si tiene presso i saloni della fiera di Bologna dal 1976.

A comunicare la triste notizia, per gli appassionati del settore è GL Events con la diffusione di un comunicato “Cari tutti, vi comunichiamo che la trentottesima edizione del Motor Show di Bologna è stata annullata.” – dice la società organizzatrice del Motor Show – “l’assenza del mercato, ci spinge ad annullare l’edizione 2013 del salone, sia per rispetto verso il pubblico del Motor Show, sia per lavorare in modo produttivo e concreto ad eventi futuri che possano contare di nuovo sulla massiccia presenza del settore.”

Olivier Ginon

Olivier Ginon

“Abbiamo sostenuto – dice il presidente Olivier Ginon l’unico salone Italiano dell’automobile nel periodo peggiore, siamo una multinazionale che opera in tutto il mondo con successo, abbiamo rilevato una società italiana che organizzava il Motor Show a Bologna, nel 2007, quando in Italia si vendevano 2 milioni e mezzo di veicoli, abbiamo supportato il settore in ogni modo. Nel 2009 abbiamo avuto le prime defezioni ,ma in Italia si vendevano ancora più di due milioni di auto”.

E’ il mercato che non vuole il salone” – continua Olivier Ginon presidente della GL Events – “ma nel 2014 o il 2015 vogliamo mantenere una manifestazione in Italia, non importa se a Bologna o a Milano.”

“Cerchiamo di trovare le condizioni per sostenere non solo il nostro investimento, ma il vostro Paese. E vediamo nell’Expo 2015 un’occasione per il rilancio dell’Italia” – conclude -.

Ragazza Motor Show

Ragazza Motor Show

Il perché della cancellazione del Motor Show 2013 di Bologna? La crisi dell’auto, la concorrenza spietata di altri mercati e la scelta obbligata delle case di puntare su mercati e dunque saloni più interessanti da un punto di vista commerciale come la Cina, il Brasile, la Turchia. Un declino quello del grande Evento del gruppo francese che si è cominciato a far sentire più forte a partire dallo scorso anno, quando importanti marchi come Bmw-Mini o Opel, Citroen e Peugeot, avevano ritirato la loro partecipazione. Nemmeno le ultime iniziative green e le hostess in divisa super sportiva all’occorenza sono servite a salvare il Motor Show 2013.

I numeri degli ultimi anni del Motor Show:  Siamo nel 2008 quando arriva il primo segnale di perdita dell’evento, arriviamo al 2010 quando i nuemri di partecipazione si abbassano in maniera preoccupante, facendo registrare le 300 mila entrate.

Nel 2012 si registra la prima grande fuga delle case automobiliste all’estero, e i visitatori paganti sono circa la metà rispetto al 2011 (da 840 mila a 400 mila)

Un mercato dell’auto in discesa: ad agosto le immatricolazioni sono state 52997, rispetto alle 56715 dello scorso anno. Nel 2013 le vendite delle autovetture sono scese del 9% rispetto allo stesso periodo del 2012.

Una breve storia del Motor Show da Zodiaco passando per Cazzola a GI Events. L’evento delle quattro e delle due ruote, fu ideato dal bolognese Mario Zodiaco con Sandro Munari e Giacomo Agostini. Dopo la prima edizione i diritti furono venduti ad a Alfredo Cazzola che lo ha trasformato in un evento di enorme successo e lo gestisce fino al 2006 quando passa a GI Events.

Google+
© Riproduzione Riservata