• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2013

Università degli Studi di Salerno. Apre la Nuova Biblioteca Scientifica Unisa: mercoledì 23 ottobre

Marcello Andria

Università degli Studi di SALERNO – La nuova biblioteca dell’Università degli Studi di Salerno sarà aperta al pubblico a partire da mercoledì 23 ottobre.

Dopo una lunga attesa durata 7 anni, siamo giunti all’epilogo. Apre la Nuova Biblioteca Scientifica Unisa.

Ma non era già stata inaugurata? non eravamo già entrati nella nuova biblioteca dell’Università degli Studi di Salerno?

Forse   ricordiamo male perchè in realtà la Biblioteca Scientifica dell’Unisa non è mai stata aperta, se mai fosse stato cosi è stato solo per qualche spot , Max per qualche video clip.

Ma come la cronaca popolare ci insegna “meglio tardi che mai”. Il 23 ottobre 2013 l’Università degli Studi di Salerno inagura la nuova biblioteca Unisa tecnico-scientifica, che affiancherà la storica biblioteca Unisa del campus salernitano, quella del polo umanistico, la celebre E. R. Caianiello, già attiva dal lontano 1997.

L’Università degli Studi di Salerno. Un grande entusiamo è presente tra i studenti che attendono con ansia di poter accedere alla nuova biblioteca Unisa. Dopo anni di lavori, l’Università degli Studi di Salerno è ormai diventata una vera e propria cittadella universitaria. Fisciano è riuscita a diventare una struttura urbanisticamente controllata dove il sapere e i servizi trovano il loro connubio perfetto. L’Università degli Studi di Salerno offre un’ampia offerta formativa con progetti internazionali, opere di ricerca, master e con un sistema finanziario funzionale e con le tasse più basse di tutte le università italiane.

L’architetto Pagliara, artefice di questa nuova struttura, ha il merito di essere riuscito ad unire una concezione architettonica dal gusto antico alle più avanzate avanguardie della tecnologia digitale moderna.

La nuova biblioteca dell’Università di Salerno occupa un lotto di oltre 2000 mq e ha allo stesso tempo un aspetto arioso ed imponente di una grande fabbrica del sapere.

La nuova struttura dell’Università degli Studi di Salerno si articola su 8 piani, 498 postazioni-utente, fornite ognuna di collegamento internet illimitato e tecnologia wireless. Il massimo della gradevolezza estetica unito ai bisogni funzionali degli utenti, è questa la formula vincente della nuova biblioteca Unisa. La sicurezza e vigilanza del patrimonio librario della nuova struttura saranno affidati alla tecnologia RFID (Radio Frequency IDentification).

Come si articolano gli otto livelli della nuova biblioteca dell’Università di Salerno? Ad eccezione dell’ultimo livello destinato ad alcuni uffici, i restanti livelli sono destinati alla fruizione pubblica. Sono messe a disposizione degli utenti: 7 sale di consultazione (con circa 540 postazioni). Nei due piani interrati sono presenti due enormi magazzini che occupano l’intera area inferiore della biblioteca per la conservazione del materiale cartaceo. Un settore destinato ai periodici, l’altro destinato alle monografie e ai libri. La biblioteca dell’Università degli Studi di Salerno sarà inoltre interamente fornita di wire less, quindi da ogni punto dell’edificio sarà possibile collegarsi in rete.

Quali sono le differenze che intercorrono tra la biblioteca unisa umanistica e quella tecnico-scientifica? Per chiarire il seguente dubbio riportiamo un abstract dell’intervista al dott. Marcello Andria, direttore della biblioteca tecnico-scientifica.

Il dott. Marcello Andria dichiara: “Mentre la biblioteca umanistica dell’Università degli Studi di Salerno è una biblioteca a scaffale aperto, cioè il pubblico accede direttamente ai materiali librari senza necessariamente passare per la mediazione dell’operatore, la biblioteca Unisa scientifica, dal punto di vista strutturale è meno tradizionale: sotto troviamo i magazzini e sopra le sale librarie. Nello specifico la struttura dispone di 7 sale, per un totale di 540 posti ed una capienza massima, orientativa intorno ai 350000 volumi. Inoltre dovremmo avere un consistente spazio per l’ampliamento anche nei prossimi anni. Questo ci induce naturalmente ad avere, per il fatto di aver compiuto un percorso di suo già così complesso ed importante, un atteggiamento positivo”.

L’entusiasmo dei giovani studenti Unisa per l’apertura della nuova biblioteca dell’Università degli Studi di Salerno. Gli studenti sono entusiasti per questa iniziativa, capendone a pieno la bontà di questo progetto terminato con successo. L’Università degli Studi di Salerno dà una risposta positiva ad un settore ormai in crisi (il settore della cultura ormai privo sempre più di fondi certi) e con questa iniziativa lo studente guarda con più coraggio il suo futuro, potendo avere i mezzi più tecnologici per andare avanti.

Così commenta Paolo, studente Unisa, la nuova struttura bibliotecaria: “La struttura è impressionante, enorme e molto spaziosa, l’ideale per studiare in tranquillità o consultare  i libri di cui hai bisogno. Ci è voluto del tempo, ma era ora che le facoltà del polo scientifico e tutti gli iscritti avessero la loro biblioteca Unisa. Certo, vista la grandezza non sarà neanche semplice mantenerla pulita ed in ordine. Molto dipenderà da quante persone verranno impiegate, ma anche gli studenti avranno una grande responsabilità. In questo senso, è condivisibile quanto detto dalla delegata alle biblioteche Daniela Valentino durante la cerimonia inaugurale: ora che l’edificio è completo, il compito di  tenerlo in vita sarà affidato ai ragazzi e al personale. Sapevo che sarebbe stato un edificio ultramoderno, tecnologico, pronto a raccogliere le sfide della modernità. Non mi aspettavo questa sintesi perfetta di antico e moderno che ho trovato magistrale. In questa biblioteca non devi trattenere il respiro per paura di fare rumore, ti invita invece a respirare. A respirare quell’aria pulita che è la conoscenza. Una conoscenza dinamica, che aggrega ed unisce a tutti i livelli. Finalmente anche noi possiamo contare su un punto di riferimento unico, attrezzato come si conviene ad un’università che lavora per il futuro dei suoi ragazzi e di tutte le anime del campus.

“Questa biblioteca Unisa credo sia la testimonianza di una progettualità che sa guardare oltre le difficoltà del presente. La cultura deve andare avanti. Di attentati al nostro diritto allo studio sono piene le cronache, ma il mondo studentesco deve reagire. Ed iniziative come questa non possono che aiutare la risalita.”

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy