• Google+
  • Commenta
12 novembre 2013

Borse di studio e provvedimenti anti-crisi all’Unipa

Borse di studio e provvedimenti anticrisi a Unipa
Borse di studio e provvedimenti anticrisi a Unipa

Borse di studio e provvedimenti anticrisi a Unipa

Borse di studio e provvedimenti anticrisi a Unipa: ecco di cosa si tratta

Il commissario straordinario dell’Ersu Palermo, Giuseppe Amodei, ha varato alcuni provvedimenti urgenti per aiutare le famiglie degli universitari siciliani ad affrontare il disagio socio-economico attuale.

La manovra Ersu arriva anche in seguito a un fattivo dialogo con alcune rappresentanze studentesche.

In particolare sono state saldate tutte le 2.500 borse di studio e provvedimenti all’Università degli Studi di PALERMO esse a concorso (redistribuzione), anno accademico 2012/13 (mille per il primo anno, 1.500 secondo anno e successivi); decisa l’erogazione di ulteriori 2.115 borse di studio a studenti universitari risultati idonei per il 2012/2013, con fondi provenienti dal ministero dell’Università, arrivando a coprire circa il 60% degli idonei al concorso; deliberato il pagamento immediato della seconda rata agli studenti di 1° anno (a.a. 2012/2013), dopo l’accertamento dei requisiti di merito necessari, anticipando di sei mesi il termine previsto (maggio 2014); varato un bando per 100 sussidi straordinari (da 600 euro ciascuno), per l’anno accademico 2013/2014, per studenti universitari che si trovino in condizioni di particolare e urgente bisogno.

Le importanti novità anche nell’ambito della fruizione della mensa universitaria. Prevista l’abolizione (dal 1° gennaio 2014) del vecchio “tesserino mensa” e l’utilizzo della “carta regionale dei servizi” (la cosiddetta tessera sanitaria) che consentirà l’accesso diretto alle mense universitarie. L’Ersu, venendo riconosciuto dalla Regione come “punto istruttore”, rilascerà il PIN per l’utilizzo della “carta”che consentirà, la partecipazione ai concorsi Ersu in modo digitale, dematerializzando tutto il procedimento amministrativo e consentendo di non chiedere più agli studenti la produzione di documenti cartacei. In considerazione anche delle difficoltà tecniche per definire questa nuova importante procedura, è stata decisa una moratoria di due mesi per l’entrata in vigore del nuovo “regolamento sul servizio di ristorazione” che viene momentaneamente sospeso e che potrà essere oggetto di revisione in merito ai requisiti da possedere per accedere al servizio, al fine anche di uniformarlo ad un parametro regionale di riferimento valido per tutti gli Ersu siciliani e varate misure per la sicurezza degli ospiti nelle residenze universitarie, attraverso l’impiego dei risparmi derivanti dall’abolizione dei “tesserini mensa” (circa 20mila euro l’anno).

Fra le misure “anti-crisi” la stampa gratuita – per alcuni studenti particolarmente bisognosi – della tesi universitaria, grazie a una convenzione con l’”associazione Agorà”. E ancora per l’anno accademico 2013/2014, si provvederà a rimodulare l’assegnazione delle “borse di studio riservate” per esaudire tutte le richieste pervenute dagli studenti aventi titolo (provenienti da isole minori siciliane; stranieri provenienti da paesi extracomunitari e in via di sviluppo; orfani di vittime del lavoro; figli di emigrati siciliani all’estero, di vittime per motivi di mafia; vittime dell’usura e/o studenti figli di vittime dell’usura; orfani ospiti in una struttura di accoglienza).

Infine l’Ersu quando riceverà ulteriori fondi potrà provvedere a nuovi scorrimenti della graduatoria degli idonei per l’anno accademico 2012/2013 e ricorda agli studenti che per ricevere tutti gli accrediti si deve provvedere subito a comunicare l’IBAN come previsto dalle norme vigenti.

Google+
© Riproduzione Riservata