• Google+
  • Commenta
7 settembre 2015

Test ingresso medicina chirurgia 2015 a Unipa: analisi domande

Test ingresso medicina chirurgia 2015
Test ingresso medicina chirurgia 2015

Test ingresso medicina chirurgia 2015

Domani i test ingresso medicina chirurgia 2015 con 2.297 candidati 200 i posti disponibili a Palermo, 97 a Caltanissetta e 15 per Odontoiatria e protesi dentaria.

Dopo Ingegneria, Scienze Umane e Professioni sanitarie che la settimana scorsa hanno aperto la stagione dei test ingresso all’Università di Palermo, domani è la volta del concorso per l’accesso alla Scuola Medicina.

I candidati al test ingresso medicina chirurgia 2015 in totale sono 2.297, mentre i posti disponibili sono 200 a Palermo, 97 a Caltanissetta e 15 per Odontoiatria e protesi dentaria. La prova si svolgerà al Polididattico, Edificio 19 di viale delle Scienze e nelle Aule della Scuola di Medicina in via Parlavecchio a Palermo.

I candidati devono presentarsi, muniti di un documento di identità in corso di validità, alle 8, alle rispettive sedi di assegnazione pubblicate sul portale dell’Ateneo, per le procedure di identificazione e avviamento alle aule. È vietato introdurre nell’aula borse, zaini, libri, appunti, carta, telefoni cellulari, palmari e altri strumenti elettronici. Questi oggetti dovranno essere depositati, prima dell’inizio del concorso, in luoghi esterni alla sede.

Dal test ingresso medicina chirurgia 2015 alla presentazione del modello ISEE

Intanto in vista delle immatricolazioni, a partire dall’anno accademico 2015/2016, il reddito ISEE rappresenterà l’unico parametro al fine di ottenere le prestazioni per il diritto allo studio universitario e per la determinazione delle tasse. L’ISEE è l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, introdotto dal Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 109 e recentemente riformato con l’entrata in vigore del DPCM 159/2013.

La maggiore novità per gli studenti, introdotta dalla nuova normativa, è che tutte le tipologie di ISEE e ISEEU previste dalla precedente normativa confluiscono in un unico ISEE per le prestazioni per il diritto universitario.

Tale nuovo ISEE viene rilasciato a tutti gli studenti U.E. ed extra U.E. dai Centri di assistenza fiscale (CAF) o dall’INPS compilando la Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.S.U.). Dall’attestazione ISEE risulta il numero di protocollo rilasciato dall’I.N.P.S.

“E’ importante ricordare – spiega il pro Rettore alla Didattica Rossella Serio – che secondo la nuova normativa il valore ISEE per le prestazioni per il diritto allo studio universitario viene rilasciato dopo alcuni giorni (mediamente dai 7 ai 10 giorni) dalla presentazione della domanda ai CAF e non più immediatamente. Pertanto è opportuno attivarsi quanto prima evitando di recarsi ai CAF a ridosso della scadenza”.

A partire dall’A.A. 2015/2016 sulle pratiche studente di immatricolazione e di iscrizione anni successivi al primo verrà richiesto obbligatoriamente, oltre al valore ISEE computato, anche il numero di protocollo della Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.S.U.) presentata al CAF o all’I.N.P.S. Il candidato che effettui la procedura di immatricolazione senza l’indicazione dell’ ISEE verrà, automaticamente, inserito nella classe contributiva più alta.

Google+
© Riproduzione Riservata