• Google+
  • Commenta
15 novembre 2013

Sciopero generale studenti 15 e 16 novembre contro la legge di stabilità

M5s contro il decreto scuola
Sciopero generale studenti 15 e 16 novembre

Sciopero generale studenti 15 e 16 novembre

Sciopero generale studenti 15 e 16 novembre: Gli studenti in sciopero per respingere l’austerity e la legge di stabilità.

Il 15 Novembre, a due giorni dal 17 Novembre, giornata internazionale dello studente, le studentesse e gli studenti di tutta Italia sono scesi in piazza in sciopero per lanciare al governo un Ultimatum affinchè si modifichi la Legge di stabilità, si ribalti il processo antidemocratico che sta portando alla sua formulazione e si invertano le politiche recessive dettate dall’Unione Europea.

Infatti nel corso dello sciopero, si attende il responso della Commissione Europea sul rispetto dei margini imposti dai trattati europei e in Commissione Bilancio del Senato si discutono gli emendamenti proposti alla legge.

La legge di stabilità prevede, tra le disposizioni atte a garantire una copertura finanziaria alla manovra, la vendita degli immobili pubblici.

Sono migliaia in tutta Italia i casi di patrimonio pubblico messo in svendita. Tuttavia, si tratta di una scelta che impoverisce le città e il tessuto sociale per arricchire la speculazione e la rendita. Un emendamento del PdL alla Legge di Stabilità propone di sdemanializzare, ovvero svendere ai privati, persino le spiagge dove sono presenti stabilimenti balneari. “Chiediamo che gli immobili pubblici in dismissione vengano ceduti agli Enti Locali e ad associazioni e comunità locali per il loro riutilizzo sociale. “ dicono gli studenti in sciopero di Link –

“Proprio per questo motivo a Lecce 500 studenti hanno attraversato la città in corteo e sciopero giungendo nei pressi dell’ex ospedale Galateo per calare uno striscione di protesta contro lo stato di abbandono in cui versa l’immobile e per ribadire la necessità che sia riconsegnato alla popolazione come luogo di aggregazione sociale e culturale.” – dice Link –

Gli studenti e le studentesse in sciopero generale studenti 15 e 16 novembre hanno bloccato per più di mezz’ora, in orario di punta, la rotonda di accesso alla città, che rappresenta uno dei punti nevralgici di Lecce.

L’ex Ospedale Galateo, struttura di quattro piani (più uno seminterrato) con un parco di circa 20 mila metri quadri, nel 2008 venne concesso in comodato d’uso dalla Regione alla Provincia, a sua volta la Provincia ha destinato al Comune l’area verde per creare un parco comunale nel mezzo della città che fungesse da “polmone”. Fino alla scadenza del contratto nel Febbraio 2011, nulla si è mosso e i fondi impegnati per la riqualificazione dello stabile non vengono mai utilizzati.

“Nei fatti, quindi, dal 2011 non esiste alcun progetto per riutilizzare l’immobile, solo lo scorso anno, nel 2012, sono state avanzate diverse proposte. Tuttavia l’immobile versa in un completo stato di abbandono e in questo momento è stato cartolarizzato.” – sostengono gli studenti in sciopero –

“Come Link Lecce abbiamo voluto mettere in atto questa azione per aprire un dibattito con l’intera cittadinanza sul riutilizzo sociale dell’ex Ospedale Galateo, poiché crediamo che sia inaccettabile che questa struttura sia stata completamente abbandonata e dimenticata e che debba essere riconsegnata alla popolazione per restituirle una funzione sociale. “ – conclude Link –

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy