• Google+
  • Commenta
2 dicembre 2013

Appuntamento con la scienza all’Università degli Studi di Sassari

Università degli Studi di SASSARI – Appuntamento con la scienza all’Università degli Studi di Sassari. Il 4 e 5 dicembre arriva il fisico Guido Tonelli, tra i protagonisti della scoperta del Bosone di Higgs

Mercoledì 4 e giovedì 5 dicembre sarà all’Università degli Studi di Sassari uno dei protagonisti della scoperta del Bosone di Higgs: Guido Tonelli, professore Ordinario di Fisica generale all’Università di Pisa e ricercatore associato all’Istituto nazionale di fisica nucleare, il 4 dicembre alle 17.00 terrà una conferenza nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Sassari dal titolo “La scoperta del bosone di Higgs e le sue implicazioni per la nostra visione dell’Universo”.

Il giorno dopo, giovedì 5 dicembre dalle 10.00 alle 12.00, Tonelli sarà nell’Auditorium ITC Dessì La Marmora per il seminario “Alla scoperta del Bosone di Higgs”, destinato agli allievi delle scuole superiori.

Il doppio evento è organizzato dal professor Massimo Carpinelli del Dipartimento di Chimica e farmacia in collaborazione con il Museo scientifico dell’Università degli Studi di Sassari, l’Associazione italiana per l’insegnamento della fisica (sezione di Sassari) e con il patrocinio del Comune di Sassari.

Il Bosone di Higgs. Il 4 luglio 2012 la sala seminari del Cern di Ginevra è stata sede dell’emozionante annuncio di una delle più grandi scoperte scientifiche degli ultimi anni: l’osservazione del bosone di Higgs, l’ultima particella attesa per completare il quadro delle particelle elementari. L’assegnazione del Nobel 2013 per la Fisica a Peter Higgs e François Englert ha solennemente sancito il ruolo fondamentale delle collaborazioni sperimentali Atlas e Cms (Compact Muon Solenoid), nello storico passo in avanti nella conoscenza del nostro Universo.

Ma la scoperta del bosone di Higgs è una conquista molto italiana. Sono infatti un migliaio i ricercatori italiani che hanno contribuito alla ricerca, la maggior parte dei quali fa capo all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Soprattutto a livello della leadership la presenza italiana è sempre stata massiccia. È infatti italiano il direttore della ricerca del Cern e al momento della scoperta del Bosone di Higgs erano italiani ben cinque dei sei coordinatori degli esperimenti. Guido Tonelli ha guidato CMS fino a dicembre 2011 e ne è oggi spokesperson emerito.

Guido Tonelli, autore di oltre 600 pubblicazioni internazionali, ha condotto ricerche in Fisica delle particelle elementari con esperimenti al CERN (Svizzera) ed a Fermilab (USA) ha ricoperto per molti anni importanti incarichi manageriali in CMS ed è stato Coordinatore internazionale dell’esperimento nel 2010 e 2011, quando ha guidato le fasi cruciali che hanno portato alla scoperta della nuova particella annunciata nel luglio 2012. Con oltre 3.300 scienziati provenienti da 183 università e centri di ricerca distribuiti in 42 Paesi di tutti i continenti, CMS è una delle maggiori imprese scientifiche di sempre. Per il suo contributo a questa scoperta di importanza storica, Guido Tonelli ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali. Fra i più prestigiosi, nel 2012 lo “Special Prize for Fundamental Physics” e nel 2013 l’“Enrico Fermi Prize”. Su iniziativa diretta del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è stato insignito dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito del Presidente della Repubblica per meriti scientifici.

Google+
© Riproduzione Riservata