• Google+
  • Commenta
31 marzo 2015

Ordinamento giuridico UE, tutela della famiglia e dei minori: seminari Uniud

Università degli Studi di Udine – La tutela della famiglia e dei minori nell’Ordinamento giuridico UE

Tutte le news sulla tua Università anche dalla Fan Page CC

Due seminari in inglese, aperti a tutti gli interessati, nell’ambito del modulo Jean Monnet di European family law. Mercoledì 1 e 8 aprile nell’aula F del polo economico-giuridico

Si discuterà di diritto di famiglia e di tutela giuridica dei minori nell’Ordinamento giuridico UE nel doppio appuntamento di aprile con i seminari organizzati dal modulo Jean Monnet di European family law dell’Università di Udine.

Gli incontri, aperti a tutti gli interessati e in lingua inglese, si terranno nell’aula F del polo economico giuridico dell’ateneo, in via Tomadini 30 a Udine. Mercoledì 1 aprile, dalle 15.30 alle 18.30, incontro su “The protection of motherhood and life under E. U. law”. Elisa Paladini e Bernardo Calabrese, rispettivamente dottoranda e dottore di ricerca in Diritto dell’Unione europea all’Università di Udine, terranno una relazione sul tema della protezione della maternità e della vita nascente da parte dell’ordinamento giuridico comunitario.

Mercoledì 8 aprile, dalle 15.30 alle 18.30, si parlerà di “EC regulation 2201/2003: interpretative concerns and the relation with international conventions”. Chiara Ragni, docente di Diritto pubblico italiano e sovranazionale all’Università statale di Milano, esporrà alcuni snodi problematici della disciplina internazional-privatistica di fonte europea, alla luce delle parallele convenzioni internazionali, nell’ottica della protezione della famiglia e dei minori.

L’iniziativa sull’Ordinamento giuridico UE è organizzata dal Dipartimento di scienze giuridiche nell’ambito del modulo Jean Monnet di European family law ed è sostenuta dal programma “Erasmus+” dell’Unione europea. Il programma Jean Monnet sostiene l’insegnamento, la ricerca e lo studio di temi connessi all’integrazione europea ed è gestito dalla Commissione europea attraverso l’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea). Oltre a stimolare le attività didattiche di ricerca nel settore degli studi giuridici sull’Unione europea, il programma supporta l’esistenza di una serie di istituzioni e di associazioni internazionali che si concentrano su temi connessi all’integrazione e si occupano di insegnamento e formazione in una prospettiva comunitaria.

Google+
© Riproduzione Riservata