• Google+
  • Commenta
20 maggio 2015

Cuno Tarfusser giudice Corte Penale Internazionale dell’Aia a Unict

Cuno Tarfusser

Università degli Studi di Catania – Il giudice della Corte Penale Internazionale dell’Aia Cuno Tarfusser questa sera alla Scuola Superiore di Catania

Cuno Tarfusser

Cuno Tarfusser

Tutte le news dela tua Università solo su Controcampus: resta aggiornato in tempo reale e scopri le news anche dalla Fan Page CC. Inoltre se sei un corso di laurea, una facoltà o un dipartimento e vuoi far conoscere le tue iniziative e news scrivi alla redazione!

Questa sera alle 21 nell’aula magna della Scuola Superiore di Catania (Villa San Saverio, via Valdisavoia 9), il giudice Cuno Tarfusser, magistrato della Corte penale internazionale dell’Aia, terrà un seminario sul tema “La Corte Penale Internazionale: Storia – Struttura – Mandato. Riflessioni critiche e prospettive future”.

Dopo gli indirizzi di saluto del presidente della Ssc Francesco Priolo, introdurrà l’ospite la prof.ssa Anna Maria Maugeri, ordinario di Diritto penale nell’Università di Catania.

Dopo aver ripercorso a grandi passi la storia del diritto penale internazionale dai processi di Norimberga allo Statuto di Roma (1998), il giudice Cuno Tarfusser spiegherà come e perché è nata ed entrata in funzione la CPI, per poi illustrarne la struttura e alcune delle specificità e caratteristiche sostanziali e processuali, alla luce della sua esperienza pluriennale come magistrato alla Corte.

L’intervento di Cuno Tarfusser all’Università di Catania

L’organismo si fonda sulla volontà di restaurare il ruolo e l’autorità del diritto contro quelle tragiche forme di violazione dei diritti umani rappresentate dai crimini di guerra, i crimini contro l’umanità, i genocidi, come quelli che hanno insanguinato la storia degli ultimi anni del secolo scorso nell’ex Yugoslavia e in Ruanda, e che continuano a mietere vittime in paesi come la Repubblica Democratica del Congo, il Kenya, il Sudan/Darfur, la Libya, il Mali, l’Uganda, la Costa d’Avorio, la Repubblica Centroafricana: le più gravi aggressioni contro i diritti umani, che provengono da autorità riconosciute e in situazioni di conflitto sia internazionale, sia interno.

Google+
© Riproduzione Riservata