• Quarta
  • Ward
  • Paleari
  • Santaniello
  • Meoli
  • Mazzone
  • Dalia
  • Cocchi
  • Andreotti
  • Califano
  • Carfagna
  • Leone
  • De Luca
  • Bruzzone
  • Baietti
  • Buzzatti
  • Chelini
  • Grassotti
  • Casciello
  • Barnaba
  • Bonanni
  • Crepet
  • Tassone
  • Pasquino
  • Rossetto
  • Gelisio
  • Rinaldi
  • Napolitani
  • Valorzi
  • Scorza
  • Romano
  • Gnudi
  • Miraglia
  • Boschetti
  • Coniglio
  • Cacciatore
  • Catizone
  • Romano
  • Bonetti
  • Liguori
  • Algeri
  • Falco
  • Alemanno
  • De Leo
  • Quaglia
  • di Geso

Comitato delle Regioni offre stage retribuiti di 1000 euro

19 Marzo 2016
.
19/06/2021

Presso il Comitato della Regioni (CDR), quale assemblea dei rappresentanti locali e regionali dell'Unione europea (UE) è possibile svolgere stage retribuiti rivolti a studenti magistrali e laureati.

Ecco come funzionano gli stage formativi retribuiti presso il Comitato delle Regioni: cosa sono, termini, modalità e requisiti per presentare la propria candidatura.

Tale opportunità, della durata di 5 mesi, prevede una retribuzione pari a circa 1.000 euro mensili, inoltre, si prevede nei confronti dei partecipanti sposati il cui coniuge non abbia un lavoro retribuito o a partecipanti con figli, un supplementi di 100 euro.

Per domande e scadenze, coloro che intendono candidarsi alle selezioni per lo stage devono inoltrare la domanda entro il 30 settembre 2016 per stage primaverile (16 febbraio- 15 luglio) ed entro il 31 marzo 2016 per stage autunnale (16 settembre-15 febbraio) mediante l’Application Form da compilare on-line.

E’ possibile consultare il sito ufficiale del Comitato delle Regioni (CDR).

Stage retribuiti presso il comitato delle regioni: termini, modalità e requisiti candidatura

  • cittadinanza in uno dei Paesi degli membri dell’Unione europea o di uno Stato candidato all’adesione;
  • aver completato il primo ciclo di un corso di istruzione superiore e aver ottenuto un diploma di laurea entro la data di chiusura della procedura di application;
  • conoscenza approfondita e soddisfacente di una delle lingue ufficiale dell’Unione europea e di un’altra lingua di lavoro dell’Unione ( francese o inglese);
  • non avere precedentemente lavorato presso un organo o un’istituzione dell’Unione europea;
  • non possedere all’interno di un organismo europeo o istituzione una pregressa formazione lavorativa di durata superiore alle otto settimane;

Un programma europeo creato non solo per favorire la circolazione ma anche la condivisione delle conoscenze tra studenti e laureati. Un’opportunità che consente un inserimento lavorativo breve ma ricco di approfondimenti, confronti e collaborazioni. Uno spiraglio che si apre dopo un lungo e lento periodo non favorevole per giovani, studenti e disoccupati. Sbloccando situazioni di stallo generate da  vari anni di crisi.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata