• Google+
  • Commenta
11 settembre 2017

Come lavorare in banca: requisiti con o senza laurea, ecco cosa serve

Come lavorare in banca
Come lavorare in banca

Come lavorare in banca

Ecco come lavorare in banca come cassiere, impiegato e con altre funzioni, dai concorsi ai requisiti per lavorare in banca con la laurea o il diploma, cosa serve sapere.

Avere successo e svolgere un’attività gratificante è un obiettivo comune ai tanti che sono in cerca di lavoro, o che desiderano trovare un impiego sicuro. Da sempre uno dei lavori più richiesti è proprio quello dell’impiegato bancario, una professione che per molti è sinonimo di sicurezza economica e stabilità finanziaria. Ma al di là dello stipendio fisso e degli altri premi o privilegi previsti per questo tipo di mansione, è necessario avere anche una certa attitudine e passione per lo studio e la pratica di determinati strumenti finanziari. Aprire un mutuo, offrire strumenti e servizi bancari oppure indicare quali possono essere i vantaggi di un finanziamento rispetto ad un altro, possono sembrare attività poco entusiasmanti per alcuni.

Mentre per altri rappresenterebbero il coronamento di un lungo e difficile percorso di studi.

Ma come lavorare in banca? Cosa bisogna fare per poter diventare impiegato bancario? Quali sono i titoli, gli studi o le conoscenze che possono aiutare ad entrare in banca? L’assunzione in banca non è immediata, ma avviene dopo aver completato un percorso di studi abbastanza specifico del settore economico. In genere le banche offrono lavoro a neodiplomati o neolaureati.

Le offerte di lavoro delle banche si esplicano sempre attraverso dei concorsi. Ma è possibile anche inviare una propria candidatura spontanea direttamente all’istituto bancario di proprio interesse, e restare magari in attesa di un colloquio di selezione.

Vediamo di seguito quali sono le indicazioni ed i consigli per sapere come lavorare in banca. Quali sono i titoli e le esperienze che possano contribuire ad entrare in questo settore lavorativo.

Come lavorare in banca con la laurea e possibilità per diplomati: requisiti e concorso

Per lavorare in banca è necessario essere laureati o diplomati. Occorre avere una discreta conoscenza della lingua inglese, e saper usare gli strumenti informatici di base. Una volta completato il proprio curriculum ma con tutte le proprie esperienze lavorative e i titoli di studio conseguiti, non resta che inviare la propria candidatura. Ci sono diverse opzioni: o inoltrare  ol curriculum direttamente alle banche, compilando il form on-line sui siti aziendali. Oppure ci si può iscrivere ai concorsi banditi a livello nazionale o regionale. Oppure ancora è possibile presentare la propria candidatura attraverso agenzie interinali. Generalmente occorre prendere parte a dei colloqui di selezione e superare test attitudinali attraverso i quali vengono verificate le proprie capacità.

Non sempre però tutti gli sforzi vengono ripagati come ci si aspetterebbe. Infatti molto spesso le offerte di lavoro propongono stage o contratti a tempo determinato. Sono davvero pochi gli istituti di credito che offrono contratti a tempo indeterminato. E nella maggior parte dei casi è necessaria una lunga gavetta prima di essere confermati in maniera stabile presso una banca.

Cosa conoscere per lavorare in banca: dal risparmio agli investimenti

Tra le figure professionali più richieste, c’è quella del cassiere, che è l’operatore che sta dietro allo sportello. Si tratta dell’impiegato che è a contatto diretto con il pubblico e si occupa dei versamenti, prelievi, bonifici, apertura di conti correnti e cambio valute. C’è poi il gestore, che è la figura professionale alla quale ci si rivolge per ottenere suggerimenti su finanziamenti o investimenti. Oppure c’è il credit manager che si occupa dell’analisi della situazione finanziaria dei clienti, e suggerisce possibili finanziamenti o  altre soluzioni finanziarie capaci di rispondere alle esigenze del cliente.

In ogni caso sapere come lavorare in banca, implica che si abbiano anche determinate conoscenze specifiche del settore economico finanziario. Queste competenze possono in ogni caso essere sfruttate a proprio vantaggio in diversi ambiti, magari facendo diversi tipi di investimenti, o presentando la propria candidatura anche presso altri istituti di finanziamento e affini. In ogni caso a raggiungere questo obiettivo, come pure può aprire verso nuove strade che possono risultare anche più gratificanti ore e redditizie.

Google+
© Riproduzione Riservata