• Google+
  • Commenta
2 ottobre 2017

E-commerce: come funziona aprire attività di commercio elettronico

Acquisti online ed e-commerce
Acquisti online ed e-commerce

Acquisti online ed e-commerce

Definizione e significato di e-commerce: cos’è, come funziona e come aprire attività di commercio elettronico di successo, gli adempimenti fiscali e tecnici per iniziare e le info su cosa fare.

Avviare un e-commerce gratis, o a costo quasi zero, aprire una Partita Iva per il commercio on-line e valutare la convenienza di una nuova attività sono le alternative di chi punta ad ingrandire il proprio commercio anche su Internet e quindi online.

Ma tante sono anche le testimonianze di chi decide di aprire il negozio on-line per superare le difficoltà che comporta gestire un’attività di tipo fisico oggi in Italia.

Infatti gli elevati costi legati alla gestione di attività commerciale fisica, come l’affitto, la visibilità e la promozione della merce, scoraggiano chi non può affrontare questo tipo di investimento.

Ma quanto costa aprire un sito e-commerce? Come avviare un negozio online? Come per ogni attività, la prima cosa da fare è scegliere il prodotto che si intende commercializzare. Infatti occorre individuare il segmento di mercato all’interno del quale andare ad inserirsi. Successivamente bisogna adempiere gli aspetti burocratici e tecnici che interessano la nascita di questa nuova attività. È quindi necessario aprire una Partita Iva, affidarsi alla consulenza di un esperto del settore, o di un commercialista che conosca le dinamiche che muovono al mercato del Web.

Per aprire una Partita Iva bisogna presentare la propria richiesta all’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate. Per la parte burocratica conviene sempre affidarsi ad un intermediario abilitato, capace di suggerire i modelli e la veste giuridica più conveniente. Molto dipende dal tipo di attività che si intende avviare.

Segue poi la seconda fase, ossia quella che prevede la cura degli aspetti tecnici legati alla gestione del sito. In linea generale esistono tre diverse alternative attraverso le quali è possibile vendere on-line la propria merce.

E-commerce: definizione e significato, cos’è, come funziona il commercio elettronico online

Per ecommerce si intende un canale alternativo per la commercializzazione di beni e servizi. Si può avere un ecommerce diretto, che prevede la cessione di un bene immateriale o di un servizio attraverso il canale digitale. Oppure c’è la commercializzazione online indiretta, che prevede la transazione di oggetti materiali e beni materiali. La vendita è on-line, ma la distribuzione è affidata a terzi (corriere, posta).

Uno dei momenti più importanti per chi si chiede come aprire un e-commerce, riguarda la scelta del tipo di spazio virtuale del quale si decide di avvalersi per la commercializzazione on-line dei propri prodotti. Non esiste un’alternativa migliore di un’altra. Tutto dipende dalle proprie esigenze, oltre che dai costi che si decide di sostenere.

La creazione di un sito e commerce può venire in diverse fasi. Infatti per ridurre i costi e aprire un negozio on-line con pochi click, ci si può affidare a servizi che offrono vetrine abbastanza standardizzate, accessibile a tutti e dai costi molto ridotti.

In alternativa si può acquistare un dominio o uno spazio Web su cui andare ad installare una CMS, ossia un software che permette di gestire il proprio sito in maniera completa. In questo caso bisogna comprare un dominio Web e uno spazio Web adatti ad ospitare il contener mannaggia mente system. Sono presenti diversi CMS, come WordPress, Magento, Joomla e Drupal. Per scegliere l’alternativa migliore bisogna assicurarsi che questo abbia tutti i requisiti necessari ad ospitare il tipo di store che si intende realizzare.

Ma a seconda del tipo di attività si intende avviare, non bisogna sottovalutare anche la possibilità di vendere tramite Amazon o eBay, creando una propria vetrina proprio su questi grandi store.

Come aprire e-commerce di successo, cosa fare: aspetti tecnici

Non resta ora che curare i dettagli che aiuteranno a rendere più piacevole l’esperienza di chi visiterà il tuo sito Web. Bisogna organizzare un catalogo all’interno del quale inserire gli articoli da vendere. Ogni prodotto deve essere affiancato da una scheda con foto di qualità e descrizioni dettagliate con tutte le informazioni che possono tornare utile utili al cliente. Ogni prodotto deve essere dotato di un codice che consenta di identificarlo. Per rendere più competitivo il proprio e-commerce, occorre offrire diversi metodi di pagamento online con strumenti virtuali , senza intermediari, ed in maniera completamente sicura.

Inoltre è importante anche offrire diverse alternative relative alla spedizione dei prodotti. È preferibile affidare al cliente la scelta del corriere che possa soddisfare le sue esigenze. In ultimo, è fondamentale rendere visibile il proprio sito di commercio on-line, sui motori di ricerca. Un esperto SEO può quindi aiutare a far emergere proprio e-commerce, aumentandone la visibilità on-line.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy