• Google+
  • Commenta
3 ottobre 2017

Ricorso test medicina 2017 per ammissione: date scadenza e modalità

Ricorso test medicina 2017
Ricorso test medicina 2017

Ricorso test medicina 2017

Ecco come funziona il ricorso test medicina 2017 per ottenere l’ammissione alle facoltà a numero chiuso per chi non fosse entrato: date per presentare il ricorso, scadenza, termini e modalità accesso.

Migliaia di studenti ogni anno devono fare i conti con una amara delusione: quella di non aver ottenuto una posizione nella graduatoria nazionale utile all’ammissione a medicina. In molti casi l’esito del compito dipende soltanto da una preparazione non sufficiente. In altri casi, invece, il risultato della prova può essere stato inficiato da irregolarità che si sono tenute durante lo svolgimento del test.

I motivi che possono spingere a fare ricorso test medicina possono essere tanti. Una delle motivazioni può essere la mancata verifica da parte della commissione della corrispondenza dei dati tra la scheda anagrafica e il documento di identità.

In questo caso ci sarebbe la violazione del principio di imparzialità e trasparenza. Un’altra causa di ricorso per il test di medicina potrebbe essere il ritiro da parte della commissione degli elaborati, secondo l’ordine alfabetico risultante dei propri registri. La commissione in questo caso avrebbe violato il principio della segretezza delle prove concorsuali. Possono presentare ricorso tutti coloro i quali ritengono che ci siano state atteggiamenti imparziali per i candidati. Oppure ci sia stata assenza di controlli adeguati durante lo svolgimento della prova.

In ogni caso, per presentare ricorso al Tar, sono necessari tre requisiti:

  • Avere un avvocato amministrativista,
  • Essere nei limiti di tempo per presentare ricorso
  • Avere un motivo valido.

Vediamo nel dettaglio come fare ricorso per la non ammissione al test di medicina 2017. Quali sono le date da tenere presenti e i costi da sostenere in base al tipo di azione legale che si intende portare avanti.

Ricorso test medicina 2017 per l’ammissione ed entrare a medicina, come funziona

La prima cosa da fare per chi pensa di aver subito un’ingiustizia o di essere stato testimone di difformità e anomalie durante lo svolgimento del test medicina 2017, è quella di recarsi presso un avvocato amministrativista. Bisogna illustrare al legale le motivazioni che inducono a fare ricorso, che sono tra i requisiti principali che consentono di portare avanti la vostra azione legale. L’avvocato, per poter portare avanti l’azione legale, avrà poi bisogno poi di conoscere l’università dove è avvenuto il test, o l’ente che ha rilasciato l’atto, ed il nome di uno studente che si trova tra gli ammessi.

L’avvocato provvederà quindi a scrivere un ricorso test medicina 2017 e lo notificherà all’università, al ministero e al contro interessato. In ultimo depositerà il ricorso al Tar del Lazio. Il Tribunale Amministrativo competente per il test di ammissione infatti è quello del Lazio che ha sede a Roma. Nel caso in cui però le anomalie riscontrate durante lo svolgimento della prova di ammissione sono legate esclusivamente alla sede concorsuale del ricorrente, allora il ricorso può essere presentato anche presso il Tar della regione di riferimento.

Il ricorso amministrativo prevede poi due fasi: una fase cautelare è una fase di merito. Durante la fase cautelare le parti in causa depositano presso il tribunale gli atti più importanti. Il Tar emana un’ordinanza con la quale si congelano temporaneamente gli effetti degli atti impugnati. Se la richiesta del ricorrente è accolta, questi può procedere all’immatricolazione a medicina nell’attesa della decisione finale sul ricorso.

La seconda fase è quella di merito, durante la quale vengono tratte conclusioni anche in base all’accoglimento della fase cautelare. Il Tar alla fine del procedimento emana una sentenza motivata in cui accoglie il ricorso, se è fondato. Oppure respinge il ricorso se è infondato.

Date scadenza, termini e modalità per presentare ricorso test medicina

Per poter presentare ricorso a medicina, bisogna tenere altamente in considerazione i limiti di tempo. Infatti per fare ricorso al Tar non devono passar essere passati 60 giorni dalla data di pubblicazione dell’atto che si desideri impugnare. In questo caso la scadenza fa riferimento alla pubblicazione della graduatoria nominativa nazionale di medicina del 2017. I giorni sono tutti non solo quelli lavorativi. Al termine della scadenza del 60º giorno, il ricorso deve essere stato già scritto notificato alle parti.

Presentare il ricorso test medicina 2017 ha costi variabili. Nel caso si decida di agire individualmente, e quindi di farsi assistere da una legale privato, il costo dipende dalla parcella dell’avvocato. Non c’è quindi un prezzo fisso, ma la spesa da affrontare può variare dai 4.000 ai € 7.000. Chi ha un reddito basso può chiedere il patrocinio a spese dello Stato. In questo caso il reddito del nucleo familiare non deve superare € 11.528,41. In alternativa si può optare per un ricorso collettivo che consente di abbattere i costi in quanto vengono condivisi da più soggetti.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy