• Google+
  • Commenta
11 Luglio 2019

Caso Emanuela Orlandi: tombe aperte e trovate vuote: ultime news

Le Tombe del caso Emanuela Orlandi
Le Tombe del caso Emanuela Orlandi

Le Tombe del caso Emanuela Orlandi

Ultime notizie sul caso Emanuela Orlandi: le tombe nel cimitero del Vaticano sono state aperte e trovate vuote: news sul mistero che si infittisce.

La disposizione di riaprire due tombe nel cimitero del Vaticano era prevista per oggi. L’intento era quello di chiarire i dubbi sulla scomparsa di Emanuela Orlandi. Si è assistito stamattina al suo fallimento. Le ombre sulla vicenda si sono moltiplicate. Il giallo della quindicenne dopo 36 anni ci riserva ancora dei colpi di scena.

Le operazioni sono iniziate nelle prime ore di questa mattina in presenza di legali, medici, periti e autorità giudiziaria. Dopo qualche ora la sorpresa. Le due tombe del piccolo cimitero teutonico sono vuote. Il nulla. Niente che possa dare un aiuto alle indagini sulla scomparsa di Emanuela. Ma ancora più sorprendente è il fatto che non ci sono custoditi nemmeno i resti delle due principesse sepolte.

A dare la notizia ai giornali il fratello della vittima, Pietro Orlandi. Con un’espressione di incredulità dichiara l’assenza dei resti nelle due tombe. L’uomo si è sentito sollevato da una parte ma dall’altra ha sentito un forte senso di sconforto. Sa bene che ora è di nuovo al punto di partenza. La risoluzione del giallo di Emanuela è ancora lontana.

Caso Emanuela Orlandi: tombe nel cimitero del Vaticano sono state aperte e trovate vuote

Questa mattina intorno alle 8.30 tutte le parti in garanzia del principio del contraddittorio erano presenti nel piccolo cimitero vaticano. Gli operatori hanno iniziato i lavori di apertura di due tombe dove erano conservati i resti di due principesse. L’accertamento era stato disposto a seguito di alcune segnalazioni che lasciavano intendere che proprio lì fossero custoditi anche i resti di Emanuela. 

Verso le 11 le operazioni volgevano al termine lasciando aperti mille dubbi. Le due tombe principesche erano vuote. Non solo non hanno dato aiuto agli inquirenti, ma hanno aperto a nuove perplessità.

La stanza in cemento sotto la lapide risulta ristrutturata e non compatibile con l’epoca della sepoltura delle due principesse. Questa è una delle stranezze del caso. Ma ancora più strano è che le famiglie delle principessa Sophie von Hohenlohe e Carlotta Federica di Mecklemburgo nonchè i responsabili del cimitero non sapevano nulla. Il dilemma quindi è: chi ha spostato i resti delle due donne? E se sono state spostate, perchè nessuno ne sapeva nulla?

Sulla questione Pietro Orlandi dichiara: Anche i familiari delle principesse a questo punto dovrebbero chiedere che fine hanno fatto le ossa. Noi comunque andiamo avanti».La famiglia e il loro legale è infatti intenzionata ad andare avanti per arrivare alla risoluzione del caso. In 36 anni non si sono mai arresi. Per trovare le spoglie della povera vittima in passato sono stati analizzati altri luoghi di sepoltura. tra questi una cripta che si trovava a pochi metri da dove era stata avvistata Emanuela l’ultima volta. Nel 2012, infatti, nello spostamento della salma del boss della Magliana venne disposta l’analisi delle ossa custodite in quella cripta. Anche in quel caso nulla portava a Emanuela.

Per il vaticano nessuna sorpresa l’aver trovato le tombe vuote

Alcuni esponenti del Vaticano, come Monsignor Gianfranco Girotti si dichiarano non sorpresi dalla vicenda. Per loro non c’è nessun mistero. “Stiamo parlando di tombe degli anni passati, che appartengono ad alcune famiglie principesche che chiedevano di aver lì la sepoltura” – rileva l’arcivescovo parlando delle sepolture del cimitero Teutonico – “poi con il passare degli anni, come succede in molti altri cimiteri, vengono tolte e portate altrove e sul posto resta la storia commemorativa della famiglia”.

Quello che però rimane da spiegare è come mai la famiglia delle due donne non è stata mai informata. Le indagini potranno dare delle risposte.

Google+
© Riproduzione Riservata