Istituti AFAM: elenco personale per assunzione anno 2019-2020

Daniela Saraco 25 Novembre 2019

Pubblicato elenco nazionale assunzioni a tempo indeterminato del personale tecnico amministrativo degli Istituti AFAM per l'anno 2019-2020, stabilizzati inoltre 181 precari.

Ecco quali sono le ultime notizie rispetto alle assunzioni del personale degli istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale .

Stabilizzati 181 precari, autorizzate 386 assunzioni del personale docente per l’anno accademico in corso, accantonamento di risorse per i docenti di II fascia.

La decorrenza economica dell’assunzione è determinata dalla data di stipula del contratto individuale predisposto dal Ministero.

Scarica da qui elenco PDF delle assunzioni a tempo indeterminato di 181 unità di personale Tecnico e Amministrativo degli Istituti AFAM, con decorrenza giuridica 1 novembre 2018 è dunque pubblico.

Le assunzioni AFAM ricoprono varie figure professionali, ovvero:

  • 85 Coadiutori
  • 78 Assistenti
  • 10 Collaboratori
  • 8 Direttori di Ragioneria e di Biblioteca

E’ noto che  il Decreto emanato ad agosto 2019 dal Presidente della Repubblica, aveva autorizzato 191 stabilizzazioni ma c’è stata  carenza di candidati per il profilo di coadiutore. Infatti sono 181  le immissioni in ruolo totali.

Il 14 Novembre 2019 il Capo del Dipartimento per la formazione superiore e per la ricerca ha inviato alle istituzioni le istruzioni operative per l’assunzione degli aventi diritto. In particolare:

  • il modello di contratto è disponibile sul sito riservato;
  • i contratti e la relativa documentazione devono essere inviati alle pertinenti Ragionerie Territoriali dello Stato
  • copia dei contratti registrati e della comunicazione della presa di servizio devono, inoltre, essere trasmessi alla Direzione generale per la programmazione, il coordinamento e il finanziamento delle istituzioni della formazione superiore
  • il personale avente titolo all’assunzione a tempo indeterminato dovrà essere inserito nell’anagrafe del personale tenuta dal CINECA
  • le istituzioni comunicheranno l’effettiva presa di servizio di ciascun dipendente utilizzando la specifica funzione resa disponibile dal CINECA, dal 15 novembre fino alle ore 14 del 22 novembre.

Istituti AFAM: elenco personale per assunzione anno 2019-2020 > scarica elenco assunti PDF

Con l’attuazione della riforma AFAM ,compartimento del MIUR riguardante l’Alta Formazione Artistica e Musicale, ovvero “disciplina per la definizione degli ordinamenti didattici delle Istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, si è conformato il percorso didattico delle istituzioni statali di musica, ossia dei conservatori, al modello europeo. Esistono tantissime scuole riconosciute dall’AFAM, che, quindi, necessitano di una struttura organizzativa e didattica uguale alle scuole statali.

Sul sito istituzionale MIUR, nonché sul sito AFAM stato pubblicato il decreto direttoriale n. 2025 del 23-10-2019 ove negli elenchi è stato individuato il personale avente titolo all’assunzione a tempo indeterminato con decorrenza giuridica 01/11/2018.

Queste figure ricoprono i ruoli di   Direttore di Ragioneria e di biblioteca , Collaboratore,  Assistente e di Coadiutore. A tal fine, è disponibile sul sito riservato AFAM  il modello di contratto che sarà sottoscritto dai Presidenti delle Istituzioni con gli aventi titolo alla predetta assunzione.

Come iscriversi all’istituto A.F.A.M > ELENCO DEGLI AVENTI TITOLO

Il sistema AFAM è costituito dai Conservatori statali, dalle Accademie di Belle Arti statali e non, dagli Istituti musicali, dalle Accademie statali di Danza e di Arte Drammatica,  dagli Istituti Statali Superiori per le Industrie Artistiche, nonché da ulteriori istituzioni private autorizzate dal Ministero al rilascio di titoli aventi valore legale. Il sistema AFAM è composto complessivamente da 145 istituzioni, di cui 82 statali e 63 non statali e, precisamente, da:

  • venti Accademie di belle arti statali;
  • un’Accademia nazionale d’arte drammatica;
  • un’Accademia nazionale di danza;
  • 55 Conservatori di musica statali;
  • 18 ex Istituti musicali pareggiati;
  • cinque Istituti superiori per le Industrie Artistiche;
  • diciotto Accademie di belle arti legalmente riconosciute, tra cui le cinque storiche di Genova, Verona, Perugia, Bergamo, Ravenna;
  • 27 altri Istituti autorizzati a rilasciare titoli con valore legale.

I titoli di alta formazione artistica e musicale hanno valore legale equiparato ai titoli universitari. Presso i conservatori di musica statali, gli Istituti musicali non statali e l’Accademia di danza sono attivi anche corsi di studio di livello pre-accademico.

© Riproduzione Riservata
avatar Daniela Saraco Sona una donna, una madre, una docente. Scrivo di scuola e di formazione perché è il mio mondo quotidiano. La Direzione di Controcampus mi ha affidato la rubrica sulla scuola, per aiutare a capire meglio le notizie che raccontano la realtà scolastica, con pochi e semplici passaggi: • Cronaca, ossia il racconto dei fatti interessanti accaduti nel mondo della scuola • Inchiesta, è l'approfondimento di un tema attraverso ricerche e interviste. • Intervista, è interessante fare due chiacchiere con una persona particolare che ci può raccontare un'esperienza o una sua opinione. Perché è così difficile raccontare la scuola sui giornali? Perché è difficile trovare giornalisti davvero specializzati nel settore, che ha le sue caratteristiche peculiari e anche il suo lessico giuridico. Far scrivere un articolo sulla scuola a qualcuno che non sa cosa sia un PTOF, ignora le direttive delle ultime circolari ministeriali, non conosce la differenza fra un concorso abilitante per entrare in ruolo e uno aperto solo agli abilitati è come affidare la spiegazione di un discorso finanziario a un giornalista che non mastica neppure i termini base dell'economia. Gli articoli che riguardano la scuola e i suoi problemi, solitamente, nelle redazioni ormai sono affidati in molti casi a cronisti generici. Questo perché, mancando pagine specializzate e un interesse continuativo per il settore, l'articolo parte quasi sempre da un fatto specifico di cronaca spicciola avvenuto in tale o tal altro istituto, e che viene portato a conoscenza dei media da persone estranee alla scuola stessa. Io, invece, essendo ferrata sulle normative del settore e sui termini tecnici e avendo una memoria storica consolidata di quanto è avvenuto in precedenza, racconto episodi e avvenimenti di cui capisco la reale sostanza. Una scuola non ha un ufficio stampa o un addetto ai rapporti con i media, il Ministero non interviene se non con scarni comunicati che riguardano cose sue, i Presidi si trovano a dover rispondere a domande che rischiano di toccare particolari aspetti della privacy degli alunni e che, se rivelati incautamente, possono avere pesanti ripercussioni sulle vite di ragazzi spesso minorenni. Ecco perché risulta importante e necessario far scrivere di scuola a chi la scuola la fa! Leggi tutto