Sospensione mutuo per Coronavirus: come chiedere sospensione rata

Carmela Sansone 30 Aprile 2020

Indicazioni per capire come chiedere la sospensione del mutuo per Coronavirus: come fare la domanda per avere interruzione delle rate nel periodo di emergenza Covid-19.

Chi può chiedere la sospensione delle rate del mutuo con procedura in banca o online, tra privati e imprese o sulla prima casa senza interessi: i requisiti per compilare modulo e inviare la domanda. 

Il Covid 19 ha messo alle strette l’intera economia del Paese. Grazie al decreto Cura Italia è possibile optare per la sospensione del mutuo: requisiti, cosa fare, come si ottiene senza pagare gli interessi e come sospendere la prossima rata sono le questioni da chiarire.

Il decreto Cura Italia ha cercato di intervenire su diversi fonti. In primo luogo, ha potenziato il sistema sanitario, fornendo sia DPI (mascherine di vario tipo, occhiali, tute) e facendo una serie di assunzioni.

Poi, ha messo a disposizione bonus per le aziende, per le famiglie e per le imprese, che rispondevano a determinati requsiti. Il decreto prevede anche l’interruzione di alcuni obblighi di versamento di tributi e contributi e di altri adempimenti fiscali, proponendo premi e incentivi ad alcune categorie di lavoratori. In materia fiscale, nel tentativo di venire incontro alle famiglie e alle imprese, è prevista la sospensione del mutuo per il 2020, per un determinato periodo di tempo, con ripresa senza interessi.

Per capire come fare la domanda e come funziona, abbiamo intervistato la dottoressa Anna Calabrese, responsabile di una filiare bancaria, che ci ha gentilmente illuminato sulla questione. Chi può richiedere la sospensione del mutuo senza pagare interessi? C’è una scadenza? Vediamolo insieme, con tutti i dettagli.

Come chiedere sospensione del mutuo prima casa per Coronavirus con decreto Cura Italia

Alla dottoressa Anna Calabrese abbiamo, innanzitutto, chiesto come funziona per la sospensione del mutuo per Covid-19 prevista nel decreto Cura Italia. Cosa fare? A chi è rivolta? “La sospensione è rivolta a coloro che, in seguito al Coronavirus si sono trovate in difficoltà. Bisogna, però distinguere due categorie. Nella prima rientra chi ha diritto ad avere la sospensione senza gli interessi. Nella seconda, invece, chi dovrà pagarli ugualmente”. In questa seconda sezione, rientrano coloro che dovranno pagare anche gli interessi.

Si tratta di quelle persone fisiche che non hanno chiesto il mutuo per l’acquisto della prima abitazione, che hanno acquistato una casa di lusso o che non siano stati licenziati a causa del Coronavirus. Tra questi, per esempio, rientrerebbero i titolari di esercizi commerciali, che non sono dipendenti, ma hanno avuto comunque dei disagi causati dal Covid 19. In questa specie, i soggetti dovranno pagare gli interessi accodandoli alle rate non pagate alla fine del mutuo“. E qual è il criterio per ottenere l’interruzione in questo caso? “In questa seconda casistica, la facoltà di concedere o meno la sospensione, è propria della banca di riferimento” – specifica la dottoressa Calabrese.

Domanda interruzione rate del mutuo senza pagare gli interessi

Passiamo, dunque, alla seconda categoria: come chiedere la sospensione della rata del finanziamento senza pagare gli interessi? A chi è rivolta? Parola all’esperta. “Questo tipo di sospensione è rivolta ai clienti-consumatori (quindi, persone fisiche). Spetta a chi abbia acquistato un immobile come prima casa, non di lusso. A seguito dell’emergenza dovuta al Covid 19, questi eventuali beneficiari hanno subìto un licenziamento, una sospensione dal lavoro, o sono in cassa integrazione.In ogni caso, hanno avuto una riduzione delle entrate”. Occore, però, fare una piccola precisazione. “In questo caso, i beneficiari non pagheranno gli interessi direttamente, ma, sarà la Consap (un fondo dello stato) a pagarli per loro“. – specifica, infine, la dottoressa Calabrese.

Come fare la richiesta? “In questo caso, si può attingere ad un fondo, il cosiddetto decreto Gasparrini. Bisogna compilare un modulo da indirizzare al MEF”. Il modulo è una Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà. Nella prima parte, occorre inserire i dati anagrafici, poi bisogna dichiarare le motivazioni per cui si chiede l’interruzione. Nell’ultima parte, invece, occorre sottoscrivere il trattamento dei dati personali.

© Riproduzione Riservata
avatar Carmela Sansone Laureata con lode in Lettere moderne e Filologia moderna presso l'Università degli studi di Salerno. Sono appassionata di letteratura, storia e giornalismo e molto dedita alla lettura. Mi piacciono le opere tradizionali della letteratura italiana, ma non rifuggo dai grandi classici (e non) del canone straniero. Sono un'aspirante docente, ma protendo anche verso il mondo delle Risorse Umane, da cui sono molto affascinata e in cui mi piacerebbe fare qualche esperienza. Sono molto creativa, ottimista e ligia ai miei doveri, ma non sopporto la slealtà e le omissioni. Tra le mie passioni, sicuramente rientra la tecnologia, ecco perché amo trattare di questa tematica all'interno dei miei articoli: tutto ciò che è progresso e avanguardia ben fatta mi attira. Allo stesso modo, sono appassionata di cucina ed è perciò che, nei miei scritti, amo affrontare le sfumature del settore, gli abbinamenti possibili e quelli più insoliti, ma anche vini, dessert e golosità di ogni genere. Ultima nota: amo i bambini, l'essenza sana di questo mondo, cui sono molto legata. Leggi tutto