Spostamenti fase 2 Coronavirus per età: da quando e come funziona

Carmela Sansone 23 Aprile 2020

Da quando iniziano gli spostamenti fase 2 Coronavirus per età: come funziona uscire, come saranno organizzate le riaperture e quali sono gli spostamenti permessi dal 4 maggio nelle regioni.

L’emergenza dovuta al Covid 19 pare sia finalmente volta ad affrontare la cosiddetta seconda fase, dove è centrale lo spostamento da regione a regione, e da comune a comune.

Sicuramente non tutti gli spostamenti saranno permessi durante la fase 2 e ci sarà una selezione per età e per motivazioni: ecco da quando parte e come si procederà alle riaperture. Il Covid 19 ha messo in ginocchio la vita economica e sociale dal paese, ormai da più di un mese.

Il Governo da subito ha optato per un lockdown totale, chiudendo tutte i luoghi di possibili assembramenti, come bar, ristoranti e negozi non essenziali, e tutte le attività produttive non necessarie.

Ora che il trend dei contagi sembra essere positivo e incoraggiante, si sta elaborando la fase 2 che prevederà, sicuramente, una riapertura graduale di alcuni negozi, e di alcune aziende, e il permesso per maggiori spostamenti tra comuni e tra regioni. Queste, però, dovranno incentivare lo smartworking, quando possibile e ricorrere a turnazioni su orari diversi degli operai. Anche alcuni punti vendita, probabilmente, riprenderanno la corca, come già accaduto per i negozi di articoli per neonato, per le cartolibrerire e le librerie.

Non è tutto, però. La seconda fase della gestione del Coronavirus dovrebbe prevedere anche un allentamento delle restrinzioni per tutti, in particolare per alcune fasce d’età più colpite come i bambini, che subiscono più di tutti la reclusione forzata.

Ecco, nel dettaglio, come funziona la riapertura di aziende, fabbriche e attività e il meccanismo delle fasce d’età: da quando sarà possibile uscire e quali sono gli spostamenti permessi nella fase 2?

Quali sono gli spostamenti fase 2 Coronavirus: per quali fasce di età sono possibili e come

Vediamo, dunque, quali sono gli spostamenti possibili e permessi nella fase 2 del Coronavirus, e per quali fasce d’età valgono. Le ipotesi al vaglio sono molteplici, la decisione ultima spetta al Governo e al Comitato scientifico che valuterà con chiarezza come muoversi. Sicuramente, dal 4 maggio saranno allentate alcune restrinzioni, ma tante altre rimarranno in vigore. Per quanto riguarda gli spostamenti, non è escluso che si andrà per fasce d’età. Gli anziani, over 65, dovranno sicuramente essere tutelati, limitandone gli spostamenti. Per i bambini, invece, essendo prevista la riapertura dei parco giochi e dei giardini pubblici, saranno vietate le aggregazioni e i pic nic all’aperto.

Tutti gli altri, per chi non abbia particolari problematiche di salute, dovranno limitare assolutamente le uscite a quelle necessarie per il sostentamento della casa e della persona. In questa fase delicata, infatti, gli errori vanificheranno gli sforzi di tutti e potrebbero portare ad una seconda ondata di contagi. Anche le aziende che riapriranno dovranno adottare una specifica pratica. Per riaprire, probabilmente, dovranno compilare un modulo, una sorta di autocerficazione. In questo documento dovranno dichiarare di garantire le regole di base nella distanza sociale e di aver fornito i dispositivi di sicurezza personale agli operai, nonchè di aver sanificato l’ambiente.

Anche in questo caso, però, si procederà per categorie. Avendo già avviato i cantieri boschivi, sicuramente ripartiranno quelli edili, insieme con il settore tessile e automobilistico. Per quanto riguarda, invece, i ristoranti ed i bar, si pensa ad una loro parziale riapertura. Non saranno aperti direttamente al pubblico, ma potranno portare il cibo a domicilio, utilizzando tutte le precauzioni. I supermercati, invece, continueranno a funzionare regolarmente, con le stesse norme. Gli ingressi saranno contingentati e tutti dovranno indossare i DPI. Per i negozi, invece, ci ri regolerà in base alla loro grandezza. Il numero di dipendenti e di clienti dovrà essere gestito in base alla metratura del locale; se possibile, come già accade in certe aree di servizio, il percorso di entrata e di uscita dovrà essere diverso.

Quando inizia la fase 2: quando è possibile spostarsi e per quali motivi

Quando inizia davvero la fase 2 e per quali motivi si potranno fare spostamenti? Sulle date dell’inizio della seconda fase sono tante le ipotesi al vaglio. Dal 4 maggio inizieranno ad esserci alcune riaperture, come anticipato. Rimarrà in vigore il divieto di assembramento e l’obbligo di distanza tra le persone. Gli ultimi ad aprire sono i luoghi di maggiore affollamento, come stadi e discoteche. La seconda fase durerà alcuni mesi, in cui bisognerà abituarsi a convivere con il virus e a seguire le regole, senza fare passi falsi. Sarà possibile spostarsi (escluse le fasce d’età delicate), sicuramente, solo per motivi necessari, quali lavoro, assistenza agli anziani, spesa e motivi di salute indifferibili.

Dal 18 maggio, invece, secondo qualche indiscrezione potrà esserci un allentamento delle norme per i comuni cittadini, almeno in qualche regione, e sempre all’interno dello stesso comune, con le dovute precauzioni. Bisogna essere cauti: la minaccia di una seconda ondata, come è accaduto ad Hong Kong, è sempre presente!

© Riproduzione Riservata
avatar Carmela Sansone Laureata con lode in Lettere moderne e Filologia moderna presso l'Università degli studi di Salerno. Sono appassionata di letteratura, storia e giornalismo e molto dedita alla lettura. Mi piacciono le opere tradizionali della letteratura italiana, ma non rifuggo dai grandi classici (e non) del canone straniero. Sono un'aspirante docente, ma protendo anche verso il mondo delle Risorse Umane, da cui sono molto affascinata e in cui mi piacerebbe fare qualche esperienza. Sono molto creativa, ottimista e ligia ai miei doveri, ma non sopporto la slealtà e le omissioni. Tra le mie passioni, sicuramente rientra la tecnologia, ecco perché amo trattare di questa tematica all'interno dei miei articoli: tutto ciò che è progresso e avanguardia ben fatta mi attira. Allo stesso modo, sono appassionata di cucina ed è perciò che, nei miei scritti, amo affrontare le sfumature del settore, gli abbinamenti possibili e quelli più insoliti, ma anche vini, dessert e golosità di ogni genere. Ultima nota: amo i bambini, l'essenza sana di questo mondo, cui sono molto legata. Leggi tutto