Chi era Martin Luther King: biografia, vita, morte e frasi

Carolina Campanile 24 Settembre 2020

Pastore protestante e politico chi era Martin Luther King: biografia, vita e morte e frasi famose di uno dei più importanti attivisti per i diritti degli afroamericani.

Per la sua attività di pacifista il suo nome è spesso accostato a quello di Gandhi, il leader della non violenza. Da sempre sensibile sul tema dei diritti civili, la sua volontà ed il suo impegno sono riassunti nella famose Lettere dalla prigione di Birmingham.

La lettera è la risposta alla lettera A call of unity, scritta da 8 religiosi. Gli autori erano consapevoli che esistesse la lotta alla segregazione razziale, ma invitavano a svolgerla solo nei tribunali e non per le strade.

La risposta dell’attivista, che si dichiarava d’accordo con Sant’Agostino circa la legge ingiusta non è una legge, arriva dritta e precisa. Lo stesso tema è poi trattato in La forza di amare, un’enunciazione della sua crociata per la giustizia. Unanimemente riconosciuto come l’instancabile apostolo della resistenza non violenta, il 10 dicembre 1964 riceve il Premio Nobel per la Pace.

Oltre 700 città statunitensi hanno una via dedicata al pastore, e chiunque nel mondo conosce il suo celebre discorso I have a dream. Grazie a lui sono inoltre nate giornate con l’obiettivo di combattere la discriminazione razziale, esistente ancora oggi.

Non lo conosceremo solo come Premio Nobel e per le citazioni e frasi, Martin Luther King chi era nella sua vita e prima di morire, sarà la sua biografia a svelarcelo dalla nascita, fino all’uccisione al Lorraine Motel.

Chi era Martin Luther King: biografia, riassunto sulla vita e morte e frasi del premio nobel per la pace

Per scrivere una breve biografia del Premi Nobel che ci dica chi era Martin Luther King prima di morire, cosa ha fatto in vita, come e quando è morto, leggeremo la sua storia, della quale ne riporteremo riassunto per date.

Sono poi le citazioni, aforismi e frasi di Martin Luther King a svelarci chi era il Nobel per la pace ancora oggi ricordato nelle scuole, e università di tutto il mondo.

Il suo vero nome è Michael King Jr., il futuro leader del movimento per i diritti civili degli afroamericani nasce il 15 gennaio 1929 ad Atlanta.

Nel 1934, durante un viaggio in Terra Santa e in Europa, il padre gli cambiò il nome. Il motivo è semplice: nella Berlino della Germania nazista egli fu affascinato dalla figura del riformatore Martin Lutero. Cresciuto nella zona borghese della città, a 13 anni diviene il più giovane vice-direttore di un giornale.

A 15 anni supera l’esame di ammissione all’Atlanta Baptist College, dove inizia a sognare il suo futuro da avvocato o medico. Tuttavia sceglie la strada da pastore battista, come il padre e il nonno. Nel 1954 diventa pastore di Montgomery, una città dove la situazione razziale era tra le più preoccupanti. Qui s’avvicina al tema che lo porterà a difendere i diritti degli afroamericani per tutta la vita.

A Montgomery si respirava un’aria di negazione. Frequenti erano gli episodi in cui persone dovevano lasciare il posto o camminare alla larga dalle persone bianche. Chi cercava di far valere i propri diritti veniva arrestato. Inizia così il boicottaggio dei mezzi pubblici, messo in atto dall’Associazione MIA di cui il fu eletto presidente.

Il 26 gennaio 1956, mentre era alla guida della propria auto, fu fermato e arrestato con il pretesto di eccesso di velocità. La sua scarcerazione aumenta la rabbia della comunità bianca, che sfocia nella violenza perpetrata in particolare dal Ku Klux Klan. Così, dopo varie minacce, il 30 gennaio viene scagliata una bomba nella casa del pastore protestante. Due anni dopo gli episodi di violenza non diminuiscono. Mentre era intento a firmare le copie del suo libro, viene pugnalato al petto.

Martin Luther King è morto il 4 aprile 1968, ucciso per una pugnalata al petto, dopo una vita passata a difendere i diritti afroamericani.

La lotta ai diritti afroamericani di MLK e la marcia su Washington

Chi lo conosce lo associa alla lotta per i diritti delle persone afroamericane, ma chi era Martin Luther King Nobel per la pace e quando ha iniziato la sua battaglia non tutti lo sanno.

Il suo credo inizia all’età di 14 anni. Questo fa già capire chi e che tipo di persona era. Il primo episodio di razzismo, come lui stesso racconta, risale al suo periodo scolastico, quando è costretto a cedere il posto in autobus. Attivista per i diritti civili, fondò associazioni ed organizzazioni delle quali spesso era presidente.

Un primo successo si ebbe nel 1956, quando la Corte Suprema dichiarò la segregazione forzata come anticostituzionale. Per la prima volta, il 13 novembre, un prete bianco sedette al suo fianco sull’autobus. Ma non tutti accolsero pacatamente la decisione, anzi gli episodi di razzismo e violenza aumentarono. Bombe nella chiesa, nelle case, accoltellamenti, violazioni, negazioni. Dal 1957 si batte in prima linea per l’esercizio al voto degli afroamericani.

Il movimento vero e proprio nasce nel 1960, con John Lewis sempre al suo fianco. L’anno successivo nasce la prima campagna per il diritti di voto, che si concluderà nel 1965 con il Voting right act. Finalmente il diritto di voto è esteso a tutti i cittadini americani, indipendentemente dal colore della pelle.

Il momento più alto, nonché quello più conosciuto, della carriera del pastore protestante è sicuramente la marcia su Washington del 1963. Programmata già nel 1941 con l’intento di manifestare per eliminare le discriminazioni sul lavoro, essa trovò anche l’appoggio di Roosevelt e Kennedy.

Si tenne il 28 agosto 1963 e, a differenza di com’era stata programmata, non si presentarono solo organizzazione capeggiate da neri, ma tutte quelle impegnate nella difesa dei diritti. Tra i 300mila dimostranti MLK fece il suo celebre discorso I have a dream, ricevendo quella che oggi definiremmo una standing ovation.

Citazioni per scoprire chi era Martin Luther King: frasi famose

Oltre che nella sua biografia, storia della sua vita e riassunto delle sue azioni, chi era Martin Luther King, frasi citazioni e aforismi possono ancora svelarcelo dove si raccoglie il suo credo.

  • Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo ancora imparato la semplice arte di vivere insieme come fratelli.
  • Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano.
  • In questa generazione ci pentiremo non solo per le parole e per le azioni delle persone cattive, ma per lo spaventoso silenzio delle persone buone.
  • La domanda più insistente e urgente della tua vita è ‘”Cosa stai facendo per gli altri?”
  • Io ho un sogno, che i miei quattro bambini vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per il loro carattere.
  • Può darsi che non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla.
  • Anche se sapessi che domani il mondo andrà in pezzi, vorrei comunque piantare il mio albero di mele.
  • Fino a che tutti non sono liberi, nessuno è libero.
  • La domanda che il Levita fece fu: ”Se mi fermo ad aiutare quest’uomo cosa potrà accadermi?”. Ma il Buon Samaritano rovesciò la domanda: “Se non mi fermo ad aiutare questo uomo, cosa gli succederà?” .
  • Dobbiamo imparare a vivere insieme come fratelli o periremo insieme come stolti.
  • Cercate ardentemente di scoprire a che cosa siete chiamati a fare, e poi mettetevi a farlo appassionatamente. Siate comunque sempre il meglio di qualsiasi cosa siate.
  • La vera pace non è semplicemente l’assenza di tensione: è la presenza della giustizia.
  • Ma io so, in qualche modo, che solo quando è abbastanza buio, si possono vedere le stelle.
Anagrafica Principale
Nato il 15 gennaio 1929 ad Atlanta, Martin Luther King è da sempre considerato uno dei più importanti esempi della lotta alla non violenza. Da ragazzo decide di seguire la strada pastorale del padre e del nonno, così nel 1954 si trasferisce a Montgomery. Qui scopre un clima di negazione e razzismo, cosa che lo porterà a battersi in prima persona nella lotta per i diritti degli afroamericani. Le violenze continuano, anche sulla sua pelle, ma il pastore non si arrende. Il 28 agosto 1963 darà vita alla celebre marcia su Washington, dove terrà il suo celebre discorso I have a dream. Grazie al suo operato riceve il Premio Nobel per la pace.
Nome e CognomeMartin Luther King Jr.
Data di nascita15/01/1929
Luogo di nascitaAtlanta
ProfessionePastore protestante, politico e attivista leader del movimento per i diritti civili afroamericani.
Anagrafica Principale
Nato il 15 gennaio 1929 ad Atlanta, Martin Luther King è da sempre considerato uno dei più importanti esempi della lotta alla non violenza. Da ragazzo decide di seguire la strada pastorale del padre e del nonno, così nel 1954 si trasferisce a Montgomery. Qui scopre un clima di negazione e razzismo, cosa che lo porterà a battersi in prima persona nella lotta per i diritti degli afroamericani. Le violenze continuano, anche sulla sua pelle, ma il pastore non si arrende. Il 28 agosto 1963 darà vita alla celebre marcia su Washington, dove terrà il suo celebre discorso I have a dream. Grazie al suo operato riceve il Premio Nobel per la pace.
Nome e CognomeMartin Luther King Jr.
Data di nascita15/01/1929
Luogo di nascitaAtlanta
ProfessionePastore protestante, politico e attivista leader del movimento per i diritti civili afroamericani.
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto