• Falco
  • Gelisio
  • Buzzatti
  • Meoli
  • Bonanni
  • Liguori
  • di Geso
  • Paleari
  • Ward
  • Cacciatore
  • Coniglio
  • Catizone
  • Barnaba
  • Rinaldi
  • Romano
  • Rossetto
  • Romano
  • Gnudi
  • Algeri
  • Russo
  • Bonetti
  • Santaniello
  • Casciello
  • Alemanno
  • Quarta
  • Miraglia
  • Pasquino
  • Boschetti
  • Dalia
  • Chelini
  • Vellucci
  • Leone
  • Mazzone
  • Del Sorbo
  • Quaglia
  • Andreotti
  • Valorzi
  • De Luca
  • Grassotti
  • Bruzzone
  • Scorza
  • Tassone
  • De Leo
  • Abete
  • Baietti
  • Crepet

Frasi di Bugo: citazioni canzoni famose e di Sanremo

Carolina Campanile 3 Febbraio 2021

Le più belle frasi di Bugo, citazioni canzoni famose e brani cantati al Festival di Sanremo: aforismi per capire chi è Cristian Bugatti.

Classe ’73, è definito come il pioniere del nuovo cantautorato italiano, con le basi della canzone del 1970 e la disillusione degli anni 2000. Per tale motivo è stato spesso definito un fantautore. 

Nel corso della sua carriera ha sperimentato diversi generi musicali, rock, blues, folk, rap, psichedelica, pop, musica elettronica e strumentale, personalizzando il suo stile.

Muove i primi passi nel mondo della musica a partire al 1994, quando fonda un proprio gruppo musicale: i Quaxo. Il gruppo dura due anni, e dal 1997 il cantautore inizia a pubblicare singoli da solista.

Nel 2000 esce così il primo album, La prima gratta, che gli permette di arrivare a più persone grazie ad una promozione dello stesso.

Dai quartieri fino al palco dell’Ariston, il cantautore partecipa al settantesimo Festival di Sanremo, in coppia con Morgan. Il duo sarà espulso a causa dell’abbandono del palco.

Tuttavia la kermesse gli permette di avere ancora più visibilità, tanto da iniziare ad essere citato in importanti riviste di musica accanto a grandi nomi come Tiziano Ferro.

Nei suoi testi parla della vita e di quel senso di inadeguatezza che accompagna un po’ tutti noi, e forse è proprio per questo che le frasi di Bugo, tratte canzoni più belle e di Sanremo, sono condivise su Facebook e Instagram non solo dai fan.

Frasi di Bugo tratte canzoni più belle e famose per capire chi è Cristian Bugatti nella vita privata

I suoi testi parlano della sua vita e ci aiutano a capire chi è Cristian Bugatti in arte Bugo, frasi di canzoni famose e del Festival di Sanremo non sono che la conferma della sua intimità.

Ma anche aforismi che parlano di sentimenti comuni, come il sentirsi fuori luogo, l’amore e la sofferenza. Eccone alcune delle migliori frasi di Bugo famose:

  • Su una ciocca d’erba io vedo che l’universo è qualcosa di grande. – Universo
  • Sei bella come il dì che mi hai mollato. – Un vegetale così
  • Non connetto perché c’è casino in me, i pensieri si accavallano come gambe. – Nei momenti così
  • Hey baby non ti voglio più, al posto tuo ho acceso la tivù. – Hey baby non ti voglio più
  • Le belle ragazze vanno in discoteca a fare le pazze. – Le belle ragazze
  • Gastroscopie di quello che verrà, fotografie di cera morbida. – Gioconda
  • Astri o vetri, i cuori tremano. – Cibernetico
  • Il vino mancherà, è tutto nei tuoi occhi. L’ambiente si farà, al dente come te. – Testa sulla griglia
  • Sono in paranoia, forse è solo noia. Una mosca in casa, ci vorrebbe la NASA. – Paranoia
  • Addio alla famiglia, al senso patriarcale; addio al semaforo che è sempre rosso. – Addio alle canzoni di una volta
  • La musica è un’altra cosa, in cuffia c’è il fruscio ma qua ci vuole Dio. – Una bottiglia di uischi
  • Il mondo gira, hai la nausea. Ognuno pensa a fare la pausa. – Solitario
  • I baci della mia nonna sono come la panna montata. – I baci della mia nonna
  • Una risata fuori luogo che mi scalda come il fuoco: dammi il numero dei pompieri. – Quante menate che mi faccio
  • Dalla strada io posso vedere un arcobaleno, viaggia sulla città, non ha colori è tutto nero. – Nero arcobaleno

Citazioni di Bugo e aforismi canzoni famose

Con testi che ci parlano della vita e di tutte le sue sfumature, e di stati d’animo come tristezza, solitudine e rabbia, ecco le più belle frasi di Bugo tratte dalle canzoni famose e del Festival di Sanremo.

  • E mi scoppia la testa, o almeno quello che mi resta. Sulle ossa ho il calcare, mia madre dice “vieni al mare”. – Paranoia
  • Gli occhi che si perdono, i muri si surriscaldano, fiamme alte sono la mia luce. – Milano tranquillità
  • Fuochi d’artificio rubano il sole e accendono sogni dentro me. – Morbida scheggia
  • Noi non siamo umani e tu lo sai, stare in casa è qualcosa di spettacolare. – Casalingo
  • Cosa non va bene nella mia testa? Sovraeccitata non funziona. – Portacenere
  • Ho le idee molto chiare, nebbia e abito nuziale. Cinque del pomeriggio, fa un caldo da microonde. – Spargimento di sangue
  • Sono qui per raccontare perché mi sento male: c’è stato un blackout e non posso suonare. – Il sintetizzatore
  • Quando vai via perdo energia, non ci sei più: il sole diventa blu. – Quando vai via
  • Il canto del merlo mi sorprende al passaggio tra le palme, sono al mare e assaporo l’aria fresca di giugno. – In grado
  • Se avessi 50 anni smetterei di fumare i sigari cattivi e vivrei la geografia, e non l’ingegneria. – Se avessi 50 anni
  • Vedere male non è facile, se ogni cosa ha un neo… ci chiediamo cosa sia l’anarchia. – Sentirsi da cane
  • Questa sera l’universo è diverso: ci sei tu. Ho una stella che aggiungo nel cielo. – Guardo su
  • Potrebbe sembrarti una canzone triste di qualche cantautore senza piume. – Cosa fai stasera
  • Scavare nel profondo è come fare le parole incrociate. – Coda d’Italia

Dalle canzoni di Sanremo, frasi di Bugo da condividere

Tutti lo ricordiamo per quanto successo sul palco dell’Ariston con il cantante Morgan. La sua partecipazione al Festival di Sanremo gli ha concesso molta visibilità.

E grazie ad essa le frasi di Bugo delle sue canzoni sulla vita e il senso di inadeguatezza, iniziano ad essere condivise su Facebook e Instagram non solo dai fan.

  • Lascio che l’onda vada coi movimenti che ha, io mi affido alla vita dovunque mi porterà. – Una forza superiore
  • La caffettiera è una torre che si scalda e contiene un segreto macinato. – La caffettiera
  • Cammina sopra ad un mare, un mare di frutta frullata, e non affondi mai. – Amore mio infinito
  • Sono giorni che ti vedo pensierosa, hai perso l’equilibrio. Sistemo tutto io, non avere paura. – Il sesto senso
  • In questo nostro condominio abbiamo il nostro dominio, il nostro amore capriccioso…mai nulla di noioso. – Balliamo un altro mese
  • Io devo uscire dalla mia alienazione, ti chiedo se mi fai promozione. – Nel giro giusto
  • Ed è in salita la strada che ho davanti a me, ho una croce da portare ed il vento soffia contro. – La salita
  • Io non vorrei lasciare impronte, mentre mi assolo la fronte mi brucia in testa. – Il sangue mi fa vento
  • Tu che ti senti un deserto, sabbia sotto il sole cocente. Tu che non sai cosa fare, tu che sei come me. – I miei occhi vedono
  • E io ti voglio bene, tanto bene, troppo bene. Ma tu non vali niente, come una birra analcolica. – Quando impazzirò
  • Non svegliatemi finché non è un altro giorno. – Fuori dal mondo
  • E mi manca aspettare l’estate, comprare le caramelle colorate. E mi manca la strada in due in bici. – Mi manca
© Riproduzione Riservata
avatar Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto