• Quarta
  • Romano
  • Bonetti
  • Baietti
  • Grassotti
  • Bonanni
  • De Leo
  • Romano
  • Rossetto
  • di Geso
  • Del Sorbo
  • Alemanno
  • Casciello
  • Leone
  • Russo
  • Bruzzone
  • Barnaba
  • Chelini
  • Meoli
  • Gelisio
  • Vellucci
  • Pasquino
  • Cacciatore
  • Quaglia
  • Crepet
  • Rinaldi
  • Ward
  • Paleari
  • Andreotti
  • Buzzatti
  • Boschetti
  • Falco
  • Miraglia
  • Catizone
  • Abete
  • Tassone
  • Liguori
  • Algeri

Frutta per colite: quale mangiare e frutti da evitare al colon irritato

Bruna Esposto 1 Febbraio 2021

Ecco quale frutta per colite mangiare a colazione, a pranzo o a cena per aiutare il colon irritabile: elenco completo frutti e quale evitare.

Chi soffre di infiammazione intestinale, si domanda spesso se esista una dieta per il colon irritato, menu settimanale che indichi quali cibi bisogna evitare e quali invece siano più indicati. Prima di vedere insieme la frutta per la colite, occorre capire che cos’è, i sintomi, le cause e come curarla.

Nota anche come sindrome dell’intestino irritabile o IBS, questo disturbo non è altro che l’infiammazione del colon, l’ultimo tratto dell’intestino crasso. Patologia molto comune, colpisce principalmente le donne di età compresa tra i 20-30 anni.

I sintomi della colite sono: stipsi o diarrea, dolori e crampi addominali, dolore anale e sanguinamento, bisogno di andare al bagno ma incapacità di defecare, perdita di peso, gonfiore, affaticamento e febbre. La frutta consigliata per colon irritabile, cosa non mangiare e rimedi naturali, aiutano ad alleviare questo tipo di disagi fisici. La causa è un’infiammazione molto importante, in funzione di questa è possibile classificarne le diverse forme.

Classificate a seconda della causa della malattia e della durata si suddividono in:

  • Acuta: se si manifesta con un singolo episodio improvviso
  • Cronica: sviluppo lento ma costante nel tempo.
  • Primarie: originate dal colon stesso.
  • Secondarie: provocate da malattie che interessano altri organi.
  • Infettive: derivano da infezioni e batteri.
  • Ischemiche: si sviluppano quando il flusso di sangue dal colon è ridotto.
  • Pseudomembranose: derivano dall’abuso di antibiotici;
  • Ulcerose: in cui la parete interna del colon appare rossa, sanguinante e presenta ulcere diffuse.

Per ridurla è possibile ricorrere a cure naturali. Esistono dei trattamenti fitoterapici, in grado di agire sulla mucosa dell’apparato digerente: aloe, malva, liquirizia e timo.

L’alimentazione e l’esercizio fisico sono fondamentali per chi soffre di questa patologia, occorre seguire delle diete particolari che prevedono il consumo di alimenti, in particolare verdura e frutta a basso contenuto di fibre.

Frutta per colite: quale mangiare a colazione, a pranzo o a cena per aiutare il colon irritabile

Quale frutta mangiare con la colite? Come abbiamo già sottolineato il menu e la dieta per il colon irritabile prevede l’utilizzo di particolari alimenti con un basso contenuto di fibre, la cui dose consigliata è di circa 30g al dì. Le fibre possono dare vita a un processo di iperfementazione dovuto all’azione dei batteri presenti nella flora intestinale. Le fibre di frutta e verdura possono causare la diarrea, provocando gas, distensione addominale, dolore a causa del richiamo di acqua da parte delle stesse dalla mucosa verso il lume intestinale.

Quindi chi soffre di colite e di colon irritabile spesso è obbligato a cambiare la propria alimentazione per poter ripristinare il proprio stato di salute. Tra  verdura e frutta per colite consentita c’è quella a basso contenuto fibre. Un’alimentazione sana può aiutare a lenire l’infiammazione riportando l’equilibrio intestinale. Ok a porri, cicoria, cetrioli, finocchi, lattuga, zucchine, pomodori, carote, patate, insalata e bieta, alimenti ricchi in fibra grezza e fruttoligosaccaridi che aiutano a purificare e detossificare il corpo.

Una cucina semplice e leggera è sicuramente il miglior aiuto. In caso di diarrea è consigliata l’assunzione di cibi astringenti come riso e limone, mentre in caso di stipsi è meglio scegliere alimenti che ammorbidiscono le feci e aiutano il transito intestinale come quelli ricchi di mucillagini tra cui malva, lino, zucchine. Brodo di verdure, centrifugati di frutta e verdura, lo yogurt e i passati possono aiutare a sfiammare e a decongestionare l’irritazione al colon.

Tra i metodi di cottura sono da privilegiare le preparazioni semplici come la bollitura, la cottura a vapore, ai ferri, alla griglia, alla piastra, al forno, al cartoccio.

Elenco frutti da evitare per la colite, quali sono

In caso di infiammazione intestinale, è indispensabile cambiare alimentazione. Chi soffre di colon irritabile è costretto a ridurre o eliminare del tutto dal proprio menu il consumo di particolari alimenti. anche la scelta di frutta per colite consentita e no, può fare la differenza nella cura dei sintomi.

Non esistono alimenti che vanno bene per tutti, le specie tollerate e le dosi variano da persona a persona. Ma in linea di massima come prima cosa occorre eliminare tutti quei cibi preparati industrialmente con l’aggiunta di additivi, conservanti, coloranti, edulcoranti, addensanti. In caso di infiammazione e colite si devono eliminare tutti quei cibi che contengono zucchero raffinato in quanto peggiorano la situazione in atto. No a dolci, torte, pasticcini, gelati e cibi in cui c’è aggiunta di zucchero per conservarli meglio o dare un miglior sapore.

Da tenere sotto controllo: latte e i sui derivati come i formaggi, possono aggravare la situazione. Evitare i cibi piccanti, pepati, ricchi di grassi e gli intingoli troppo elaborati, bevande come coca-cola, aranciata, caffè e thè nero. Tra le verdure da tenere sotto controllo vi sono l’aglio e la cipolla oltre al peperoncino che possono essere troppo riscaldanti in caso di infiammazione al colon.

Evitare il consumare di legumi, cavoli, broccoli, asparagi, carciofi, funghi cavolfiori e cavoletti di Bruxelles, in quanto possono causare gas. Tra i metodi di cottura sono da evitare quelle tecniche che richiedono molti grassi come la frittura. No agli alimenti poco cotti ed è sconsigliato usare condimenti che rischiano di appesantire la digestione. Vanno infatti evitati tutti quei cibi ricchi di grassi, salumi, insaccati, formaggi grassi, in particolare quelli fermentati come il gorgonzola e pecorino. Per quanto riguarda la frutta, per colite dannosa per l’intestino, attenzione alle specie che iperfermentano, come pere, pesche, ciliegie, albicocche e prugne

Elenco frutta per colite: quali sono i frutti che fanno bene al colon irritato

Con la colite cosa mangiare, esiste della frutta per il colon irritabile? Come detto in precedenza molto dipende dal tipo di colite e dai sintomi ad essa associata. Quando si parla di dieta per la colite si parla in linea generale perché la tollerabilità ad un determinato alimento varia da persona a persona. In linea di massima la frutta per colite consigliata da mangiare è: mele, mirtilli, banane, agrumi, fragole e frutti di bosco, molte persone tollerano bene anche kiwi ed ananas.

  • BANANE: formano una barriera protettiva sulle pareti dello stomaco e favoriscono il benessere intestinale, aiutando a lenire le infiammazioni. Sono ricche di amido, il quale viene fermentato dalla flora batterica intestinale e produce acidi grassi a corta catena importantissimi per la buona salute della mucosa intestinale.
  • MELE: ricche di vitamina C e antiossidanti, contengono pectina (una fibra solubile) che contribuisce a eliminare le scorie nocive dal organismo e grazie alle proprietà assorbenti riesce ad aumentare la consistenza delle feci. La pectina contenuta al loro interno agisce anche da prebiotico, ovvero come nutrimento per quei batteri intestinali considerati buoni. I polifenoli contenuti al suo interno intervengono a livello intestinale proteggendo le mucose e dando un effetto lenitivo all’infiammazione. Le fibre presenti donano la giusta consistenza alle feci e ciò regolarizza la velocità intestinale, che sia troppo accelerata o troppo lenta
  • KIWI: Ricco in vitamina C, E e A, flavonoidi, potassio, beta-carotene riducono i radicali liberi e migliorano la salute generale rafforzando il sistema immunitario. Ricco in fibre e povero di carboidrati, aiuta a ristabilirsi più facilmente in caso di sintomi come la diarrea. Fonte ricchissima di sali minerali, importanti da reintegrare nei periodi caratterizzati da disturbi intestinali e diarrea.
© Riproduzione Riservata
avatar Bruna Esposto Sono una naturalista con la passione per la scrittura.Nel 2015 ha deciso di aprire un blog che le permettesse di unire la passione per la natura e la fotografia con la sua esigenza di raccontare e raccontarsi.Dal 2017 grazie al suo blog e al suo profilo instagram ha lavorato come Influencer marketing e content creator collaborando con oltre 100 brand in tutto il mondo, realizzando per loro articoli e fotografie.Grazie ai contatti su instagram ha potuto collaborare con giornali online. Questa esperienza è stata fondamentale in quanto l’ha spronata a migliorarsi e ad approfondire le tematiche relative alla Seo, l’html e Wordpress. Leggi tutto