• Boschetti
  • Baietti
  • Pasquino
  • Ward
  • Catizone
  • Meoli
  • Santaniello
  • Dalia
  • Gnudi
  • de Durante
  • Grassotti
  • Quaglia
  • di Geso
  • Cocchi
  • Bonanni
  • Chelini
  • Falco
  • Tassone
  • Carfagna
  • Napolitani
  • Antonucci
  • Cacciatore
  • Alemanno
  • Buzzatti
  • De Luca
  • Liguori
  • Paleari
  • Algeri
  • Quarta
  • Bonetti
  • Mazzone
  • Califano
  • Romano
  • Gelisio
  • Andreotti
  • Rinaldi
  • Ferrante
  • De Leo
  • Coniglio
  • Leone
  • Barnaba
  • Casciello
  • Bruzzone
  • Miraglia
  • Scorza
  • Crepet
  • Rossetto
  • Romano
  • Valorzi

Nuove regole Covid scuola se ci sono positivi e per quarantena

Flavia de Durante 10 Novembre 2021
F. d. D.
29/11/2021

Ecco quali sono le nuove regole covid e quarantena a scuola, che succede in caso di positività in classe e quando scatta la DAD: nota Miur su emergenza coronavirus.



Arrivano ufficialmente le nuove disposizioni sulle regole covid a scuola, quando scatta la DAD e per chi, quanto dura la quarantena e quanti tamponi dovranno fare studenti e docenti. Ipotesi e novità erano già nell’aria da qualche tempo. Ma adesso che sono ufficiali, cosa cambia?

Sembra che lezioni da casa partiranno solo a seguito di due o tre casi in una stessa classe per le scuole elementari e secondarie. Per gli asili la situazione è più delicata e complessa, poiché scatta nell’immediato una parziale quarantena. Previsti tamponi (obbligatori due) e controlli tra alunni e professori.

Tutte le regole per la gestione dei positivi sono state indicate con un apposito documento. Diramato dal Ministero Dell’Istruzione e dal Ministero della Salute, il regolamento è chiaro e contiene numerosi punti. Questi sono stati redatti in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità e con le Regioni.

Dopo un anno e mezzo di didattica a distanza, in piena emergenza sanitaria, l’Italia riparte con le lezioni in presenza. Ma detta nuove leggi nel mondo scolastico. Fino ad ora, infatti, ogni regione vantava una propria auto-gestione. Spettava alle singole amministrazioni stabilire e valutare le tempistiche. A seconda della diffusione del virus e della curva dei contagi in loco. Da ora, però, le cose cambiano.

Grazie alla situazione pandemica migliore, ad una campagna vaccinale attiva e alla scadenza dello stato di emergenza fissato per Dicembre. Il documento ministeriale, prevede nella scuola una procedura «definita e standardizzata». Al fine di omogeneizzare le misure di sicurezza in tutta la nazione.

Nuove regole Covid scuola: Miur, nota indicazioni gestione casi positività a scuola > PDF NOTA

Il Ministero dell’Istruzione ha inviato alle scuole della nazione il nuovo protocollo contenente le disposizioni anticovid. Dal 6 novembre, le nuove regole covid per la quarantena a scuola cambiano, con modifiche effettuate al fine di evitare inutili periodi di isolamento e lunghe settimane di DAD non necessaria.

Secondo il regolamento ufficiale, nelle scuole elementari e nelle secondarie di 1° e 2° grado, da adesso la quarantena per la classe scatta a seguito di un “focolaio” di minuscole dimensioni. Parliamo infatti di tre casi in una stessa classe. Disposizioni aggiornate arrivano anche in merito ad una o due positività in una stessa aula.

Sembra essere tra le mani del preside gran parte della responsabilità nell’applicazione di queste nuove norme. Questo è confermato anche dal secondo documento inviato alle scuole del nostro paese. Indirizzato, appunto, esclusivamente ai dirigenti scolastici.

Il dirigente è autorizzato a sospendere “in via eccezionale ed urgente” le lezioni. Nel caso in cui le autorità sanitarie non possano intervenire nell’immediato. Per il resto, spetterà sempre a questa figura informare la ASL e individuare i “contatti scolastici”. Per questi ultimi è prevista la sospensione temporanea delle lezioni. Successivamente, il preside deve “trasmettere ai contatti scolastici le indicazioni standardizzate preventivamente predisposte dal DdP.” E “segnalare al DdP i contatti scolastici individuati”.

Tutta l’Italia applicherà e seguirà le nuove regole anti covid a scuola in caso di positivi in classe. Queste, variano a seconda della fascia d’età degli alunni e della scuola frequentata. Nonché in base allo status vaccinale.

Caso particolare per gli asili. In caso di una positività, il test di controllo per i più piccoli dev’essere fatto subito. Inoltre, scatta nell’immediato una quarantena preventiva di dieci giorni. Dopo il primo periodo di isolamento, dovrà essere effettuato un secondo tampone. Per i docenti, invece, le disposizioni saranno stabilite dalle autorità sanitarie.

Cosa succede con un solo caso di positività a scuola

Che succede se c’è uno o più casi positivi in classe? Cosa stabiliscono le nuove regole anti covid nella scuola, cosa cambia da novembre e come vengono regolate quarantena e DAD in base alle nuove norme e disposizioni?

  • UN SOLO CASO POSITIVO: i compagni di classe faranno un test il prima possibile, definito “T0”. Se il risultato è negativo si potrà rientrare a scuola. Per poi uno fare un secondo test dopo 5 giorni (T5). Questo secondo controllo serve per confermare di non essere stati contagiati.

Cosa succede con più positivi a scuola secondo le nuove regole Covid

  • DUE CASI POSITIVI: In questo caso sono previste differenze tra gli studenti vaccinati e i non vaccinati. I vaccinati o negativizzati negli ultimi 6 mesi faranno la cosiddetta “sorveglianza con testing.” Devono sottoporsi comunque al T0 e T5, ma potranno seguire regolarmente le lezioni. Per i non vaccinati è obbligatoria la quarantena di 10 giorni.
  • TRE O PIU’ POSITIVI: nel caso di tre positivi a scuola, le nuove regole covid stabiliscono che andrà in quarantena tutta la classe. Ovviamente, questo ultimo caso impone la DAD per la classe intera.

Facciamo chiarezza in merito al TEMPO ZERO (T0) e al TEMPO 5 (T5). Così come riportato nel documento ministeriale:

  • Tempo zero (T0): prima possibile dal momento in cui si è stati informati dal referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico/DdP. Se il risultato è negativo si può rientrare a scuola. Se invece è positivo, è necessario informare il DdP e il MMG/PLS. E non si reca a scuola. Il referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico sarà informato secondo le procedure adottate localmente. Per i casi positivi occorsi tra gli studenti e gli operatori scolastici.
  • Tempo 5 (T5): ulteriore test dopo 5 giorni dal momento T0 (es. il momento della comunicazione). Se il risultato è positivo, è necessario informare il DdP e il MMG/PLS. E non recarsi a scuola. Il referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico sarà informato secondo la procedura adottata localmente per i casi positivi. Occorsi tra gli studenti e gli operatori scolastici.

I tamponi da effettuare possono essere test antigenici o molecolari. Inclusi test molecolari su campione salivare.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Flavia de Durante Studentessa di Lettere Moderne all'Università degli studi di Salerno. Profondamente ecologista e ambientalista, mi occupo di volontariato animalista. Mi interessa esplorare il mondo circostante in tutte le sue sfumature ed in particolare l'animo umano e i rapporti interpersonali. Amo da sempre la lettura e mi diletto a scrivere sin dalla prima adolescenza. I temi che maggiormente mi interessano sono quelli legati alla cultura, alla storia, al costume, all'ambiente, all'attualità. Vedo nel settore del giornalismo non solo la possibilità di trasmettere dati ed informazioni, ma anche una grande opportunità di acquisire nuove e varie conoscenze. La curiosità e la voglia di sapere sono i motori principali che mi hanno spinto a intraprendere questo percorso. Leggi tutto