• Google+
  • Commenta
1 settembre 2010

La dura ripresa

L’estate purtroppo sta finendo e con essa anche le vacanze che ci hanno regalato uno stop dallo stress fisico e mentale. Tra un po’ sarà il momento di riaprire i libri per tornare a studiare…e di indossare le tute per riprendere ad allenarci. In tutti e due i casi la ripresa dovrà essere graduale.

Mentre risulta estremamente complicato riappacificarsi con i testi universitari, più semplice è invece riprendere gli esercizi fisici. Un metodo rapido e sicuramente efficace è il circuit training.

Questo tipo di allenamento è generalmente utilizzato per incrementare la resistenza muscolare. Con i dovuti accorgimenti rappresenta invece il miglior modo per riprendere l’attività fisica senza stressare il corpo in maniera inappropriata. Nell’allenamento a circuito si passa rapidamente da una “stazione” all’altra del programma, ognuna delle quali consiste nell’esecuzione di un determinato esercizio per un tempo o per un numero di ripetizioni prefissato. Il circuito termina quando sono stati eseguiti tutti gli esercizi nell’ordine stabilito, dalla prima all’ultima stazione del percorso, e può essere ripetuto più volte. Di solito nel circuit training si scelgono esercizi con i pesi , ma possono essere inclusi anche esercizi ginnici diversi quali ad esempio salti, trazioni, flessioni, piegamenti, esercizi di corsa, oppure l’uso di macchine per l’allenamento cardiovascolare (cyclette, vogatore, tapis roulant).

La durata del circuito ed il numero delle serie e delle ripetizioni dipende dal tipo di risultato che si vuole ottenere. Nel caso della ripresa dopo un periodo di inattività è necessario tenere presente alcuni principi basilari:
-* non utilizzare pesi o utilizzarli senza carichi eccessivi;
-* incrementare la durata degli esercizi ad ogni sessione di allenamento;
-* evitare di affaticarsi.
-*
Un circuito leggero ed efficace per tornare a “muoversi” nuovamente potrebbe essere così costruito:

-* 5 minuti di corsa

-* 15 flessioni

-* 20 squat

-* 20 addominali

-* 2 minuti di corda

Tale sequenza dovrebbe essere ripetuta senza pause per 4 volte. Lo stesso circuito deve essere effettuato per almeno tre sedute nell’arco di una settimana. Ad ogni sessione successiva è necessario aumentare la durata e le ripetizioni (es. al successivo allenamento si effettueranno 10 minuti di corsa, 20 flessioni, 25 squat, 25 addominali e 3 minuti di corda).

Al termine della settimana i muscoli ed i polmoni saranno nuovamente pronti a sostenere gli sforzi eseguiti prima dello stop estivo. Nel caso in cui le tre sessioni risultino inefficaci è possibile riproporre il circuit training per un’altra settimana, conservando però gli stessi carichi dell’ultima seduta senza incrementarli (dopo una certa soglia l’allenamento a circuito condurrebbe solo a stanchezza senza reali benefici).

La festa è finita … pronti alla ripresa!!!!!

Google+
© Riproduzione Riservata