• Google+
  • Commenta
23 ottobre 2010

Università del Molise: settimana della cultura scientifica e tecnologica

Anche quest’anno l’Università degli Studi del Molise apre le porte alla Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica. Quest’anno un appuntamento che riveste un particolare significato è la XX Edizione.

Ogni anno dal 1980, Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca indice la Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica del Molise con lo scopo di mobilitare tutte le competenze e le energie del Paese per favorire la più capillare diffusione di una solida e critica cultura tecnico-scientifica.

In particolare, la Settimana intende stimolare l’apertura di efficaci canali di comunicazione, di confronto e di scambio tra l’universo della società civile (che vede in prima fila il mondo della scuola), da un lato, e l’articolato complesso del Sistema Ricerca (università, enti di ricerca pubblici e privati, musei, aziende, associazioni, ecc.), dall’altro.

Questa manifestazione, che si chiuderà il 24 ottobre, è giunta alla sua ventesima edizione: un traguardo che l’Ateneo molisano, non solo ha vissuto quasi interamente, ma che intende valorizzare ancor di più, soprattutto in questo clima di estrema incertezza per l’intero sistema universitario, con un programma ricco di eventi, iniziative, mostre, convegni, seminari e visite guidate coinvolgenti l’intero territorio molisano.

Occasione dunque per l’edizione del 2010, ufficialmente individuato come Anno Internazionale della Biodiversità e dell’Avvicinamento delle Culture, mobilitare tutte le competenze e le energie del Paese per diffondere una solida e critica cultura tecnico-scientifica e offrire spunti di riflessione sulle grandi scoperte tra la società civile, il mondo della scuola, del lavoro e il complesso sistema dell’attività di ricerca.

Stimolare l’apertura di efficaci canali di comunicazione e di scambio è un compito di importanza decisiva perché si contribuisce non solo alla crescita culturale del Paese, ma anche perché costituisce uno dei presupposti per il pieno esercizio dei diritti democratici dei cittadini, e soprattutto dei giovani i quali sono chiamati a compiere sempre più spesso scelte che implicano una solida cultura scientifica di base. Per maggiori informazioni vai su www.unimol.it.

Particolarmente significativo l’incontro di studi, con la presenza del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi del Molise, Prof. Giovanni Cannata, del Prof. Donatella Cialdea, Preside della Facoltà di Ingegneria,
Direttore del Laboratorio LACOSTA, del Prof. Stefano Panunzi. Ci sarà la partecipazione anche di Geo&Geo RAI3, CineParallax, il Meditterraneo.it, e in particolare ci sarà anche la partecipazione del Mediterraid con il suo Presidente Antonello Fratoddi, associazione di cui già ci siamo occupati precedentemente (http://www.controcampus.it/spip.php?article17000), e che mira a dare un contributo importante a raggiungere quelli che sono gli 8 obiettivi del millennio, promuovendo l’amicizia, la solidarietà e la valorizzazione della diversità tra tutti i popoli del Mediterraneo: per maggiorni informazioni vai su www.mediterraid.it.

Giampaolo Felli

Google+
© Riproduzione Riservata