• Google+
  • Commenta
8 febbraio 2011

I deltoidi

I muscoli deltoidi conferiscono alla spalla la tipica forma a delta. Si divide in tre fasci:

-* ANTERIORE
-* LATERALE
-* POSTERIORE

Il fascio anteriore rappresenta lo spicchio frontale ed ha la funzione di allontanare l’omero dal tronco in senso frontale.

E’ un distretto muscolare che è stimolato sempre con l’allenamento dei muscoli pettorali. A differenza dei pettorali è un muscolo mono articolare, per questo motivo molto più facile da allenare. Viene stimolato da tutti gli esercizi che prevedono una abduzione dell’arto superiore dal tronco.

Il fascio laterale rappresenta la porzione centrale del deltoide e laterale della figura umana. Per l’allenamento dei deltoidi laterali è facile commettere errori per svariati motivi. La sua azione è quella di sollevare il braccio lateralmente da 0 a 90°.

Il fascio posteriore:

Il deltoide posteriore s’inserisce superiormente a livello del bordo superiore della spina della scapola. Per il suo accorciamento è indispensabile che la scapola non si muova. Gli esercizi utili alla sua stimolazione sono tutti quelli in cui l’omero (braccio) si avvicina alla scapola in asse con le fibre del deltoide posteriore.

Il deltoide è considerato un muscolo “piccolo” facilmente allenabile. E’ necessario che gli esercizi siano svolti alla perfezione al fine di evitare crescite antiestetiche (è un caso comune quello di trapezi sviluppati eccessivamente rispetto al muscolo della spalla). Di seguito elencheremo una serie di esercizi fondamentali. Per la corretta esecuzione rivolgetevi sempre al vostro istruttore.

-* 1) ALZATE LATERALI
Si impugnano i manubri mantenendoli in fase di partenza aderenti ai fianchi , si esegue un abduzione laterale di entrambe le braccia che arriveranno nella parte finale del movimento circa due centimetri oltre l’altezza della spalla. Le braccia si mantengono leggermente piegate e l’ angolazione del gomito non deve mai variare. Questo è un esercizio che tende a isolare la parte laterale del deltoide.

-* 2) ALZATE FRONTALI
Si impugnano i manubri (o in alternativa un disco) e si elevano frontalmente fino ad arrivare ad altezza viso. Questo è un esercizio che tende ad isolare i deltoidi anteriori

-* 3) DISTENSIONI PANCA 90°
Seduti su una panca impugnare i manubrii in pronazione all’altezza delle spalle, eseguire il movimento estendendo completamente le braccia in verticale.

-* 4) ALZATE LATERALI SU UN FIANCO
Sdraiati su un fianco su un panca inclinata, impugnare il manubrio in pronazione e sollevare il braccio fino a raggiungere la verticale.


Fabio Sammartino

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy