• Google+
  • Commenta
6 marzo 2011

Blogger, tutorialist, youtubers: saranno lavori?

“Spegni quel computer e pensa a studiare!” è il ritornello che ogni madre ripete ai figli decine di volte al giorno. Nell’immaginario collettivo il computer è uno svago, un passatempo, uno strumento che distrae generazioni di studenti – e non solo – dai propri doveri. In realtà il computer, internet e gli strumenti che esso offre, possono essere un valido trampolino di lancio per quei ragazzi che riescono a sfruttarlo al meglio e mettere in risalto il proprio talento.

Virginia de Winter, ad esempio, è una ragazza che ha mosso i primi passi su internet scrivendo fanfiction basate sui suoi personaggi letterari preferiti, e il cui talento è stato notato dalla Fazi, che ha pubblicato il suo primo romanzo. Quasi stesso percorso quello di Mariachiara Cabrini, meglio nota sul web come Santippe Weirde, che ha iniziato la sua carriera di blogger recensendo le proprie letture preferite, e ad oggi ha pubblicato due romanzi, oltre a collaborare con la casa editrice Delos.

C’è poi Youtube. Non c’è ragazza che non conosca il canale di Clio Makeup, dedicato appunto al mondo del trucco e della bellezza. Da semplice “tutorialist,” Clio è diventata un’affermata makeup artist, e collabora con diverse case cosmetiche, quali Pupa. Lo stesso vale per la collega americana Michelle Phan, che invece ha firmato un contratto con Lancôme.

E chissà se grazie a Youtube non diventino famosi anche i simpaticissimi Nirkiop, sei ragazzi di Taranto che pubblicano sul web spassosi sketch comici; il loro ultimo video ha raggiunto una tale popolarità da meritarsi un articolo sul Mattino.

Trasformare la propria passione in un vero lavoro non è dunque un’idea così fantascientifica. Prendiamo in considerazione i privilegi che derivano dall’acquisire la partnership con Youtube. Una volta ottenuta, è davvero possibile guadagnare denaro, con una somma che si basa sul numero di visualizzazioni di ogni video e un importo fisso per 1000 views. Nel 2009 in America un giovane video blogger è riuscito a guadagnare 351.000 dollari in un anno, grazie ai suoi video comici.

Occhi aperti allora. Non è poi così lontano il giorno in cui leggeremo sui curriculum “youtuber” alla voce “professione”.

Marilena Grattacaso

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy