• Google+
  • Commenta
29 settembre 2011

Un bicchiere di latte per sentirsi sazi e restare in forma

Uno degli alimenti/bevanda nutriente e popolare è il latte. Uno degli alimenti/bevanda nutriente e popolare è il latte. Tra le varie proprietà di quest’ultimo troviamo anche un interessante potere saziante. Ecco perché potremmo azzardare ad estremizzare il concetto secondo cui è possibile dimagrire grazie ad un bel bicchiere di latte a colazione.

Ciò si giustifica in quanto le proteine del latte aumentano il senso si sazietà più a lungo ; si arriverà quindi all’ora di pranzo con meno appetito e si mangerà di meno. Le calorie del latte variano molto in base al tipo: 64 calorie per il latte intero, 46 calorie per il latte parzialmente scremato e solo 36 calorie per il latte scremato. Dunque più che il tè o il succo di frutta al mattino, sarebbe indicato bere una bella tazza di latte scremato. Ad ogni modo, è stato verificato statisticamente, che in generale, chi fa colazione col latte riduce l’apporto calorico introdotto a pranzo, consumando porzioni più leggere (circa 50 calorie in meno) e più piccole (il 10% di cibo in meno).

Una delle proteine contenute nel latte è la caseina, capace di indurre appagamento alimentare, molto più dei carboidrati e degli zuccheri, contenuti in altre bevande come tè e succhi di frutta. Sul lungo periodo anche 50 calorie in meno al giorno possono fare la differenza per la linea, ecco perché il prediligere cibi che inducano sazietà più a lungo è uno dei consigli per cercare di entrare o rimanere in forma.

Tuttavia il latte va scelto anche per le molteplici sostanze nutritive che contiene, tra cui il calcio e la vitamina D. Il discorso diventa più delicato per tutti quei soggetti che non appena beveno il latte, avvertono fenomeni di gonfiore o che peggio ancora sono intolleranti al lattosio ; tuttavia in commercio è stato introdotto latte ad alta digeribilità o in altre formulazioni particolari, studiate proprio per chi ha sviluppato tali intolleranze.

Parallelamente a tutto ciò, in particolare gli studenti non devono dimenticare che la colazione va fatta con tutto il tempo e la calma che questo momento richiede : è il pasto principale della giornata, quello che deve darci energia per le ore di studio da trascorrere in facoltà o a casa nella preparazione degli esami. Se ne guadagnerà in concentrazione e reattività della mente.

Il primo pasto del giorno va consumato in almeno 10 minuti e va benissimo fare riferimento alla dieta mediterranea che prevede frutta, latte, confetture, miele e prodotti da forno, che danno vigore senza appesantire e senza comportare un eccessivo introito calorico.

Andrea Cioffi

Biologo – Nutrizionista

Google+
© Riproduzione Riservata