• Quaglia
  • Romano
  • Coniglio
  • Gelisio
  • Tassone
  • Cocchi
  • Carfagna
  • Rossetto
  • Dalia
  • Catizone
  • Leone
  • Bruzzone
  • Pasquino
  • Crepet
  • Gnudi
  • di Geso
  • Mazzone
  • Miraglia
  • Romano
  • Santaniello
  • Chelini
  • Meoli
  • Baietti
  • Cacciatore
  • Algeri
  • Barnaba
  • Alemanno
  • Paleari
  • Quarta
  • De Luca
  • Andreotti
  • Ward
  • Falco
  • Scorza
  • Liguori
  • Califano
  • Bonanni
  • De Leo
  • Grassotti
  • Valorzi
  • Boschetti
  • Buzzatti
  • Bonetti
  • Rinaldi
  • Napolitani
  • Casciello

Due libri per capire la città di Padova e raccontare un progetto

4 Novembre 2011
.
19/06/2021

L'urbanista statunitense Kevin Andrew Lynch pubblica nel 1960 “L'immagine della città”.

Il libro non è solo un pilastro della letteratura in materia di come si “costruisce” una città, ma anche un nuovo modo di analizzare i sistemi metropolitani.

Secondo Lynch le persone percepiscono lo spazio attraverso mappe mentali fatte di percorsi per spostarsi, margini che limitano i movimenti, quartieri con proprie peculiarità se non identità, nodi cioè punti di interscambio e riferimenti quali “segnali” capaci di orientarli. È una lettura strutturale della città moderna e in particolar modo di ciò che la identifica: i suoi luoghi centrali. E se questa “lettura particolare” la si facesse anche per la città di Padova?

Lunedì 7 novembre alle ore 15.00 in Aula Magna Facoltà di Ingegneria, via Loredan 20 a Padova verrà presentato il volume “L’immagine del territorio metropolitano. La città metropolitana di Padova” di Pasqualino Boschetto e Alberto Schiavon.

Nella stessa sede sarà anche illustrata la pubblicazione “Quaderno Daur – Daur Pavillon” curato da Edoardo Narne ed Enrico D’Este che raccoglie gli esiti di tre mostre realizzate nel Daur Pavillon, struttura pensata e realizzata da docenti e studenti del DAUR dell’Università di Padova.

Saranno presenti, oltre agli autori, Armando Gennaro, Giorgio Garau , Stefano Zaggia, Elena Svalduz, Dunia Mittner, Roberto Meneghello, Andrera Giordano e Fabio Bonfà.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata