• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2012

Beni Storici ed Artistici e dell’Archivio di Stato di Salerno: la parola all’on.Iannuzzi

L’on. Tino Iannuzzi, Deputato del PD, esprime soddisfazione per la chiara e precisa volonta’, espressa il 21 febbraio 2012 in Commissione Cultura della Camera dei Deputati dal Governo con il Sottosegretario ai Beni e le Attivita’ Culturali Marco Rossi Doria, che ha escluso ogni ipotesi di soppressione, accorpamento o ridimensionamento della Sopraintendenza ai Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici e dell’Archivio di Stato di Salerno.
Il Sottosegretario ha in tal senso rassicurato l’on. Iannuzzi-che aveva presentato una articolata e motivata interrogazione a difesa degli Uffici Salernitani- con una duplice e collegata argomentazione. In primo luogo non si puo’ procedere alla soppressione di Uffici territoriali del Ministero, in assenza di una complessiva riorganizzazione del Ministero attraverso la modifica normativa del D.P.R. 26 novembre 2007 n. 233, modifica che non e’ neppure in via di elaborazione.

In secondo luogo, il Ministero per i Beni Culturali con le Sopraintendenze e’ stato esentato (D.L. n. 183 convertito nella legge 22 dicembre 2011 n. 214) dall’obbligo, prima previsto dal Governo Berlusconi, di riduzione delle dotazioni organiche del personale dirigenziale e non dirigenziale. Anzi lo stesso Ministero e’ stato autorizzato ad assumere personale dipendente mediante l’utilizzo di graduatorie in corso di validita’.
L’ on.Iannuzzi ha ribadito la funzione essenziale e preziosa svolta dalla Sopraintendenza ai BSEA di Salerno, che ricomprende il Salernitano e l’Avellinese e ben 277 Comuni e che svolge da tanti anni una qualificata ed estesa azione di tutela, recupero e restauro del ricchissimo e prezioso patrimonio di questi territori, con una pluralita’ di interventi tempestivi e complessi  contemplati dal Codice dei Beni Culturali. Gli Uffici salernitani hanno acquisito sul campo una tradizione ed una esperienza generalmente apprezzata e  riconosciuta e di alto profilo, grazie al lavoro di un pool specialistico di storici d’arte, di esperti e restauratori di assoluta eccellenza.
Il quadro delineato dal Governo Monti e’ per di piu’ l’occasione per potenziare e rafforzare la funzione cosi’ rilevante della Sopraintendenza e dell’Archivio di Stato di Salerno con l’assunzione di nuove unita’ di personale, proprio per meglio garantire il compimento del difficile e determinante ruolo espletato dai due Uffici Salernitani.

Google+
© Riproduzione Riservata