• Google+
  • Commenta
15 marzo 2012

680 utenti di Uniurb nella Biblioteca digitale

È stato lanciato ufficialmente a metà gennaio scorso e riscuote già molto consenso tra utenti universitari il progetto MediaLibraryOnLine (www.medialibrary.it) che dota l’Università della piattaforma di prestito digitale per biblioteche pubbliche, mettendo a disposizione gratuitamente per tutti gli utenti dell’Università di Urbino (docenti, studenti e personale tecnico amministrativo) una vastissima gamma di contenuti digitali, accessibili anche da casa o in viaggio.

«A tutt’oggi – dichiara Sebastiano Miccoli, coordinatore Biblioteche Area GEPS e Polo SBN URB, che ha seguito il percorso progettuale – siamo già arrivati a 686 utenti registrati. Contando i disagi e le chiusure per la neve, mi sembra un buon risultato. Le consultazioni totali a oggi sono 6.890».
Si può accedere al servizio da qualsiasi dispositivo collegato a internet – mediante la tessera personale del servizio bibliotecario – e consultare migliaia di contenuti digitali, tra e-book, video, film, foto, documentari, quotidiani di 89 paesi in 40 lingue, community e social network. In totale MLOL mette a disposizione più di 1.700 quotidiani da tutto il mondo.
Tutti gli utenti universitari, studenti, docenti e personale, hanno diritto all’accesso gratuito a MediaLibrary. E’ sufficiente recarsi presso una delle Biblioteche d’Ateneo e chiedere di essere registrati.
In particolare, MediaLibraryOnLine garantisce la lettura delle versioni digitali complete a testo integrale dei principali quotidiani nazionali (Corriere della sera, Repubblica, Stampa, Il Sole 24 Ore, Gazzetta dello Sport) e internazionali (Le Monde, Wall Street Journal ecc.) e periodici.

Il servizio sarà attivo anche per i cittadini urbinati, come spiega il dirigente Affari interni Cultura e Turismo del comune di Urbino Angelo Brincivalli: «grazie alla collaborazione della Biblioteca centrale umanistica presso la quale gli urbinati potranno registrarsi dopo aver pagato un contributo di soli 5 euro all’anno presso uno degli sportelli della Tesoreria del Comune».
Il contributo degli urbinati cui è legato anche l’accesso al MLOL (5 euro annuali) verrà reinvestito dal Comune per lo sviluppo e la crescita dei servizi di biblioteca e di lettura.

Secondo l’assessore Lucia Pretelli: «si tratta di una grande opportunità per Urbino poiché permette l’accesso rapido e comodo a una mole di informazioni e di conoscenze, garantendo così i diritti fondamentali su cui si fonda la cittadinanza democratica.
Investiamo sul futuro attraverso le nuove tecnologie informatiche che rappresentano il nuovo mondo dell’informazione e della socialità e sulle nuove generazioni, i futuri cittadini, i nuovi fruitori per costruire una “crescita intelligente e inclusiva”. Entro aprile – continua l’assessore Pretelli – verrà inaugurato a Palazzo Legato Albani uno spazio di lettura dedicato ai bambini, Lilliput dal nome del paese immaginario de “I viaggi di Gulliver” di Jonathan Swift, e che rientra nel progetto nazionale “Nati per Leggere” che suggerisce la lettura ad alta voce ai bambini a partire dal primo anno di vita per favorire lo sviluppo intellettivo e il linguaggio e per arricchire i legami affettivi all’interno della famiglia. Un piccolo spazio che contiamo di fare crescere».

Google+
© Riproduzione Riservata