• Google+
  • Commenta
2 marzo 2012

Il mondo vitale emergente

L’ università è la fonte primaria dell’alta formazione che deve conciliarsi con il rapido cambiare di tecnologie ed evoluzioni imprenditoriali.

Questi ed altri temi sono stati affrontati durante il convegno promosso dall’università locale, tenutosi all’Aquila lo scorso 28 febbraio.

Ad oggi si possono contare 49 Atenei pubblici e e 20 sono le fondazioni universitarie  istituite negli ultimi dieci anni.

Le fondazioni universitarie sono “il mondo vitale emergente” che affiancano le stesse università nelle attività di ricerca e applicazione sul territorio; l’obiettivo è quello favorire la pratica attuazione delle progettualità sviluppate all’interno delle accademie, con strumenti svariati, tra cui il reperimento delle risorse.

Il contributo determinante delle fondazioni universitarie è dato dal ruolo che svolgono per favorire lo sviluppo e l’innovazione nel rapporto degli Atenei con il territorio e il loro campo d’azione è molto ampio e stratificato.

Ingenti sono le risorse finanziarie prodotto per realizzare l’incontro delle conoscenze accademiche con il mercato produttivo, che riflette i bisogni del territorio. Questi giovani istituti sembrano avere un futuro assicurato e ricco di successi e che consentiranno all’Università italiana di allargare il novero dei loro referenti sino all’ampia serie di interlocutori attenti alle istituzioni,  che creano sviluppo e attraverso le quali potranno tenere il passo con l’evoluzione tecnologica del Paese.

Google+
© Riproduzione Riservata