• Google+
  • Commenta
28 marzo 2012

Le imprese “chiamano” i cervelli

Roma- 3M, Boston Consultin Group, general Electric, Eurotech, Banca Mediolanum, Sisal ed Unicredit. Sono queste le 7 grandi aziende che parteciperanno alla 3° edizione del Brain Calling Fair 2012, che si terra a Milano ed a Roma. Il progetto è nato nel 2010 ed ha già riscontrato molto successo sia tra i studenti, sia tra le imprese aderenti all’iniziativa nelle scorse edizioni. L’evento è stato presentato ieri (dalla rappresentante dell’Ambasciata Americana in Italia Marzia Francisci) per la prima volta ai ragazzi della Facoltà di Economia della Sapienza, infatti le scorse edizioni si erano svolte sempre a Milano.

Brain calling letteralmente significa “chiamata dei cervelli” questo perchè l’incontro, che si terrà a Milano il 18 Maggio ed a Roma il 24 Maggio, focalizza l’attenzione sui progetti che hanno studenti Universitari riguardanti le imprese aderenti. La modalità d’accesso è molto semplice, in quanto basta registrarsi al sito www.braincallingfair.it ed inviare il progetto entro il 13 Maggio. Per chi non si fida di inviare il progetto o non voglia, può partecipare anche in modalità “Offline”, ossia non registrandosi sul sito e presentandosi direttamente all’incontro nella città di riferimento, e fare la fila ai stand aziendali (nei quali non ci saranno ragazzi inesperti, ma i responsabili del settore).

Le imprese partecipanti operano in diversi settori, ma per alcune non c’è alcun vincolo di argomento nel progetto. Nel sito al fianco delle 7 grandi società sono indicati gli argomenti dei progetti, quando compare la scritta “Open Project” sta a significare che non vi è alcun vincolo sulla tipologia del progetto e quindi il candidato potrà spaziare su qualsiasi tema.

La Project Manager ha poi illustrato esempi di ragazzi assunti da queste società gli anni passati sia con argomenti affini, sia con temi che non centravano affatto con l’attività d’impresa. Ha poi voluto precisare che aziende come Boston Consulting Group, sono partecipanti allo stand non proprio per i progetti in quanto per assumere persone e fare un colloquio istantaneo. Per l’evento non ci sono requisiti particolari da avere, dato che sia studenti del secondo anno, sia laureandi sono già stati presi in considerazione gli altri anni. E’ un’occasione molto importante per chi ha un sogno o un progetto nel cassetto da realizzare, per cui facciamo vedere che i cervelli dei giovani Italiani sono ancora molto validi.

Le Università che patrociniano l’evento sono molteplici tra cui spuntano i nomi illustri di Sapienza, Bocconi, Lumsa ed i Politecnici di Torino e Milano. Per ogni ulteriore informazione visitare il sito web http://www.braincallingfair.it

 

Google+
© Riproduzione Riservata