• Google+
  • Commenta
9 marzo 2012

Unistem 2012: i giovani e la ricerca scientifica in Italia

Unistem 2012
Unistem 2012

Unistem 2012

Si è tenuta oggi alle ore 9:00 la giornata Unistem 2012, la giornata divulgativa circa le cellule staminali a 9000 studenti di 160 scuole superiori che ha coinvolto 20 regioni in tutta Italia.

Già alla quarta edizione, Unistem ha effettuato un sondaggio tra i diversi studenti basato non sulla conoscenza scientifica dello studente medio, ma sull’opinione che i giovani d’oggi hanno sulla ricerca scientifica e sulla scienza in generale.

Cosa, se non le cellule staminali possono essere guardate come un quadro attualissimo del giovane in cerca di lavoro e dello studente in generale: la precarietà! Divertente la vignetta riscontrabile dal libro scaricabile dal sito Unistem per spiegare in maniera semplificata che cos’è una cellula staminale. E in un certo senso si può fare un’analogia con le cellule staminali primordiali: cosa faranno “da grandi”?

Di qui, nella fase di crescita, le cellule staminali, proprio come fa ognuno di noi, si specializza nel suo particolare ruolo e una volta “laureatosi” una cellula staminale può diventare cellula epiteliale, muscolare, nervosa e così via.

A scoprire queste particolari cellule del nostro organismo sono stati due genetisti, nel 1981,dell’Università di Cardiff in Inghilterra, Martin Evans e Matthew Kaufman anche se la paternità di tale scoperta è stata attribuita a un ricercatore americano, Gail Martin dell’Università di Chicago.

In questa giornata sono stati svolti Workshop, attività anche sportive per conoscere i risultati delle ricerche sulle cellule staminali, incontri con i ricercatori e visite ai laboratori di ricerca endocrina, per non parlare di danza e giochi il tutto per appassionare e avvicinare i giovani al fantastico mondo del corpo umano.

Nel libro scaricabile dal sito dell’Unistem è possibile vedere le altre opere scelte in seguito alla visita ai laboratori dell’EMBL, organizzata nell’ambito del progetto “Il lungo ed affascinante viaggio delle cellule staminali. 

Google+
© Riproduzione Riservata