• Google+
  • Commenta
11 aprile 2012

Il giovane sardo Maurizio Atzori conquista New Scientist e il World Wide Web 2012

Ha raggiunto un risultato davvero degno di riconoscimenti e complimenti il lavoro del ricercatore sardo, Maurizio Atzori, che non solo ha meritato un notevole spazio sulla rivista scientifica più importante di tutte, “New Scientist”, ma verrà anche presentato al WWW2012, World Wide Web, la conferenza internazionale di Lione che si terrà dal 16 al 20 Aprile.

Maurizio Atzori è un giovane e promettente 34enne originario di Iglesias che, conseguita una laurea e concluso il dottorato in informatica a Pisa, rientra in Sardegna nel 2010 dopo essersi aggiudicato, grazie a una brillante carriera universitaria, il concorso per ricercatore bandito dall’ateneo di Cagliari.

Proprio grazie al suo ruolo di ricercatore Maurizio entra a far parte del team della dottoressa Nicoletta Dessì, Direttore del Dipartimento di matematica e informatica  dell’Università di Cagliari, che in questo momento si dedica al progetto “DENIS: Dataspaces Enhancing the Next Internet in Sardinia”, finanziato dalla Regione con 224.000 euro.

Il gruppo di lavoro DENIS si occupa di Data mining, ovvero dell’esplorazione di dati di misure gigantesche. Per capire meglio, si tratta di un nuovo metodo di fare ricerca su Internet.

Swipe, “Searching Wikipedia by Example, è il nome del metodo innovativo che è stato applicato all’enciclopedia multimediale gratuita Wikipedia. Inserendo le caratteristiche ricercate direttamente all’interno della pagina dell’enciclopedia on-line, è possibile ricevere una lista di tutte le voci con le caratteristiche volute. Insomma il risultato è quello di riuscire a restringere in modo significativo il campo su quello che stiamo cercando. L’esperimento è stato eseguito su Wikipedia ma è possibile applicare il metodo a tutti i siti internet.

[adsense]

La ricerca di Atzori non è avvenuta in solitude ma anzi si è avvalsa dell’aiuto e della collaborazione ,oltre che dell’Università di Cagliari, molto presente nella ricerca e nell’innovazione, del Dottor Carlo Zaniolo (docente alla Ucla di Los Angeles e visiting professor all’ateneo di Cagliari) con il quale è iniziata la collaborazione proprio grazie a un finanziamento regionale che ha permesso di portare in Sardegna il docente italo-americano.

Oltre alla “bibbia” inglese delle riviste scientifiche, molti altri giornali e siti si sono occupati della brillante ricerca, l’articolo è stato tradotto in diverse lingue, anche in cinese e giapponese e il video di presentazione pare riceva un migliaio di visite giornaliere. A questo punto la speranza del giovane iglesiente è che questa scoperta porti all’Università visibilità e contatti che si traducano in borse di studio per i futuri ricercatori sardi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy