• Google+
  • Commenta
23 aprile 2012

La Masnada: quando la poesia continua a fare eco

Nella società di oggi, un luogo comune è quello che i giovani non sono interessati alla lettura, non sono sensibili alla letteratura e alla poesia. Ebbene, sfatiamo questo mito che purtroppo ha messo radici su un terreno sempre più lastricato da ulteriori cliché. Vi presentiamo La Masnada.

La Masnada è un periodico di natura socio-culturale. Nasce come associazione no profit nel 2007, ma già nel 1999 un gruppo di ragazzi, residenti in Calabria, esattamente tra Cropani Marina e Botricello, fonda questo periodico con l’idea di volersi esprimere attraverso la poesia e non solo.

Etimologicamente, masnada significa gruppo di persone malintenzionate, ma questo termine presenta anche un’accezione scherzosa, ossia compagnia di persone allegre e rumorose, ed è il caso di questo gruppo calabrese che ama definirsi “collettivo di scoppiati che rinnova miracoli“. E i miracoli che rinnovano (e che provano a compiere) riguardano iniziative che loro stessi organizzano come i concorsi di poesia, i festival letterari, le presentazioni di libri e convegni sempre di matrice culturale. I masnadieri hanno avuto molto coraggio e caparbietà in quanto hanno sviluppato le loro idee in un ambiente non molto esteso (il paese è composto da 4.000 abitanti circa), ma che tuttavia ha accolto con curiosità questo progetto.

Chi sono i masnadieri? Sono Gianluca Pitari, presidente della rivista, Carlo Scaccia, vice presidente, Raffaele Mercurio, segretario, Nunzio Belcaro e Cristina Pullano fanno parte del consiglio di amministrazione. Grazie a loro, la comunità si è abituata ad una presenza costante delle loro iniziative, avendo sempre in testa il progetto di ampliare lo spazio culturale. Questo ha permesso all’associazione di crescere andando oltre, non solo fuori dai confini territoriali, ma anche da quelli virtuali. Infatti, nel 2004 viene costruito il sito www.lamasnada.it che ha favorito una connotazione globale.

La tappa decisiva è rappresentata dal progressivo affermarsi del Festivaletteratura di Calabria Parole Erranti che è arrivata alla VIII edizione. Questo è il fiore all’occhiello dell’associazione in quanto si prefigge come compito quello di sopperire agli squilibri culturali e sociali presenti (ed evidenti) sul territorio. Come? A suon di duelli tra poetanti, letture di libri, messe in scena teatrali, animazione e tanta musica.

Quindi dietro La Masnada, c’è un gruppo di amici che ama esprimersi per mezzo della parola poetante, felice di condividere con altri questa passione e per uscire, perché no, un pò dalla sterile realtà che li circonda. Ed è proprio per questo motivo che La Masnada, oltre che nel circuito locale, viene distribuita anche nell’ambito universitario. Infatti è presente in forma cartacea a Reggio Calabria, presso la Facoltà di Architettura; a Pisa, presso la Biblioteca dipartimento Filosofia dell’Università. E ancora, la rivista la si può trovare a Perugia alla Libreria L’altra e al Pub Ciao Rino e a Cosenza e a Catanzaro presso la libreria Ubik.

Per maggiori informazioni o per chi volesse dare un personale contributo alla rivista, si può mettere in contatto direttamente con i masnadieri. Visitando il sito, ci sono tutti i contatti utili.

Che altro dire..buona poesia a tutti!

Google+
© Riproduzione Riservata