• Google+
  • Commenta
14 Maggio 2012

Piccoli erasmus a Potenza

A Potenza nuove ed entusiasmanti proposte sono state presentate qualche giorno fa dal presidente della provincia Piero Lacorazza. ”Abitare il futuro”, queste le semplici parole che saranno da baluardo per i programmi triennali di investimenti. Tra questi progetti presentati, come non citare l’importantissima iniziativa relativa all’interculturalità, multietnicità e scambio culturale, questo volta riservato anche agli studenti più giovani e non solo agli universitari: stiamo parlando dei ”Learning weeks – Study tour in Europa (piccoli erasmus)”.

Questo nuovo progetto, nato grazie alla collaborazione della Camera di Commercio di Potenza e  dell’associazione per la cooperazione transregionale locale ed europea Tecla , permetterà a 100 studenti delle classi quarte dei licei di poter soggiornare all’estero per motivazioni di studio, stage e tirocini. Difatti, i ragazzi, oltre a migliorare le proprie conoscenze linguistiche, potranno rafforzare le proprie competenze nei campi occupazionali tra i più disparati : dal settore dell’energia a quello del turismo, e così via.

Una volta tornati alla vita di tutti i giorni, nelle aule di sempre e nella città abituale, i ”fortunati” dovranno (ma probabilmente saranno ben contenti di fare) illustrare e presentare ciò che hanno appreso nel soggiorno, coinvolgendo quindi i compagni che invece non hanno partecipato a quest’esperienza. Come fare? Verranno realizzati all’interno delle scuole veri e propri laboratori, dove i ragazzi si confronteranno in maniera sana e soprattutto utile ed interessante.

Grandi e importanti cambiamenti quindi per quanto Potenza. Come si legge nel portale basilicatanet, “I piccoli erasmus, come le altre azioni messe in campo– spiega l’assessore alla Formazione Vitantonio Rossi sono indicativi di quanto la rete tra istituzioni, e nel caso del programma “Abitare il futuro” la sinergia con la Regione Basilicata, mondo della scuola, sindacati e territorio, sia in grado di fornire risultati concreti. Con il programma abbiamo avviato una sorta di laboratorio che potenzieremo e rafforzeremo nel futuro e che è stato al centro nei mesi scorsi di un lungo e costruttivo confronto sia in sede di cabina di regia dei Patti formativi locali, sia nei vari incontri svolti a Lauria, Villa d’Agri, Melfi e Potenza per la costituzione dei partenariati territoriali dei Pfl”.

Google+
© Riproduzione Riservata