• Google+
  • Commenta
17 maggio 2012

Il potenziamento dell’informatica è necessario per il 50% degli studenti

Il potenziamento dell’informatica
Il potenziamento dell’informatica

Il potenziamento dell’informatica

Almeno 1 studente su due crede che è necessario il potenziamento dell’informatica: ecco perchè secondo un sondaggio condotto sul web.

Si è conclusa l’attività del diario dell’Agenda Digitale Italiana, una discussione online nella quale i cittadini hanno potuto esprimere la propria opinione in merito a vari problemi che dilagano nel nostro Paese o anche dare suggerire delle idee da sviluppare, tra le quali proprio alcune riguardanti il mondo dell’istruzione.

Infatti secondo l’inchiesta online il potenziamento è richiesto da studenti frequentanti le scuole secondarie, la metà dei quali sostiene che c’è bisogno di potenziare l’utilizzo della tecnologia informatica negli istituti addirittura, secondo il loro parere, tralasciando il miglioramento dell’edilizia scolastica e della preparazione del corpo docenti.

Gli studenti infatti testimoniano il fatto che ormai praticamente in tutti gli istituti sono presenti dei laboratori di informatica i quali però sono scarsamente utilizzati in quanto purtroppo in molti casi non ci sono docenti qualificati in materia né gli istituti hanno abbastanza fondi per istituire altre ore di lezione comprendenti per i ragazzi, materie multimediali che invece sarebbero fondamentali per l’accesso e la preparazione futura agli esami universitari.

Inoltre l’inchiesta rivela che nonostante il 9 maggio 2011 fosse stato annunciato il progetto “ Scuole in Wì-Fi”, il quale prevedeva che tutti gli istituti aderendo al progetto “Scuola Mia” avrebbero ricevuto una connessione Wi-Fi gratuita riservata alla didattica, in realtà l’operazione non risulta essere andata a buon fine e il Wi-Fi stenta a funzionare.

In merito a ciò Skuola.net sostiene:‹‹ La possibilità di utilizzare la rete Wi-Fi libera e gratuita nella propria scuola è un lusso che spetta soltanto a 3 studenti su 10. Eppure Brunetta e la Gelmini avevano previsto per il 2012, Wi-Fi in tutte le scuole ››.

Skuola.net perciò invita caldamente anche l’attuale ministro dell’istruzione Profumo a tener conto di tutto ciò, dato che egli ritiene sia importante lo sviluppo tecnologico della scuola e quindi che si impegni nei finanziamenti sia alle strutture, sempre più deteriorate, che al sistema di insegnamento.

Google+
© Riproduzione Riservata