• Google+
  • Commenta
3 Maggio 2012

Social network per la sclerosi multipla: succede alla II Università di Napoli


Smsocialnetwork.it
: un social network come pochi, un luogo di condivisione inedito, un momento di incontro virtuale dove destini comuni si incroceranno presto e si confronteranno su una vita diventata “dannatamente” simile e su una malattia purtroppo uguale o affine e che costringe al medesimo stile di vita.

Nasce in questi i giorni, infatti, questo nuovo social network, sicuramente unico nel suo genere. Ma di cosa parliamo? Smsocialnetwork fa’ il suo esordio ufficialmente proprio oggi sul web, come luogo di condivisione per tutti i malati di sclerosi multipla, malattia che oggi colpisce migliaia di persone solo in Italia. Fin da subito, il nuovo social pare abbia avuto numerosissimi consensi e già centinaia sono risultati gli iscritti.

Il social, nasce dall’idea dell’emerito neurologo Luigi Lavorgna dell’Azienda Ospedaliera della Seconda Università di Napoli, in collaborazione con il Dott. Gioacchino Tedeschi e la Dott.ssa Simona Bonavita. Dalle dichiarazioni del Dottor Lavorgna emerge un chiaro intento nell’ideazione di questo progetto unico: creare un luogo di incontro dove i malati possano “virtualmente” confrontarsi, parlare e scambiarsi informazioni ma che possa essere anche luogo di coinvolgimento, oltre che dei malati di sclerosi, anche di medici e paramedici specialisti della malattia, e non meno importante, luogo di confronto e di supporto per gli stessi familiari delle persone vittime del morbo.

La sclerosi multipla è senza dubbio una malattia che ha un fortissimo impatto sul sociale tutto di chi né affetto. Lodevole, dunque, l’iniziativa del gruppo medico campano che ha voluto offrire questo importante momento di scambio e perché no,  sta provando a piccoli passi, a ridare ai malati di sclerosi multipla quel momento di socialità di cui ci si può sentir privati o di cui si è costretti a privarsi a causa di questa malattia.

Questi gli obiettivi dichiarati da Smsocialnetwork.it:

• creare gruppi di discussione e relativi forum per conoscere le esperienze e i punti di vista degli altri utenti
• ricevere informazioni su associazioni che si occupano di sclerosi multipla
• seguire i congressi medici in diretta attraverso messaggi, foto e video
• partecipare agli eventi chat o streaming video, organizzati da smsocialnetwork
•essere aggiornato sulle evoluzioni scientifiche che riguardano la sclerosi multipla (da http://denaro.it/blog/2012/05/03/un-social-network-contro-la-sclerosi-multipla/).

Presto il social sarà arricchito di tanti contenuti, ed è già attiva al suo interno, una vera e propria chat di dialogo diretto tra gli iscritti. In streaming parteciperanno, inoltre, medici in convegni o incontri sulla malattia.

Google+
© Riproduzione Riservata