• Google+
  • Commenta
20 giugno 2012

Esami di stato: Montale, Olocausto e crisi tra le tracce della prima prova

Prima prova esami di maturità: il Ministero dell’Istruzione ha scelto i temi di crisi, tecnologia e Olocausto, mentre per l’analisi testuale vince Montale.

L’arcano è finalmente stato svelato. Congetture e ipotesi varie che, come ogni anno, circolano tra i siti web dei “bene informati”, non sembrano aver colto nel segno, non stavolta almeno, tranne per il tema della crisi. (vedi Possibili tracce, tototema)

Come non pensare infatti a un argomento del genere, quando ormai la parola crisi è stata fatta strumento di un vero e proprio bombardamento mediatico, che non lascia scampo all’immaginazione, né, permettete di dirlo, alla speranza. Dal Ministero arriva quindi la scelta di sottoporre l’onnipresente questione anche all’attenzione dei maturandi (che avranno certamente avuto modo di discuterne più che sufficientemente anche a scuola).

Tema storico e altrettanto importante, l’Olocausto, accompagnato da una citazione di Hanna Arendt, filosofa di origini ebree costretta a fuggire in Francia e poi in America in seguito alle persecuzioni perpetrate dai nazisti contro gli ebrei.

Ma quest’anno trova spazio anche la questione di tecnologia ed etica, a partire dal pensiero di Hans Jonas, finalizzato ad indagare il principio di responsabilità nell’ambito del mondo scientifico. Numerosi spunti vengono offerti da brani di Primo Levi, Leonardo Sciascia, Margherita Hack.

Per l’ambito storico, la scelta è ricaduta su “Bene comune e bene individuale” con brani di Tommaso D’Aquino e Rousseau.

Il tema di carattere generale verte invece su “Sfide e sogni della nuova generazione”, a partire da una frase di Paul Nizan: “Avevo vent’anni…Non permetterò a nessuno di dire che questa è la più bella età della vita.”

L’ambito artistico pone l’attenzione su “Il labirinto” e propone spunti tratti da Umberto Eco e Picasso.

Infine, l’analisi testuale, contro chi pensava o sperava in D’Annunzio e Pascoli, ha come oggetto un brano di Montale, che ritorna dopo un’assenza di quattro anni, “Ammazzare il tempo”, tratto da “Auto da Fè. Cronache in due tempi”, saggio del 1966.

Riepiloghiamo:

Tipologia A, analisi del testo: Montale, “Ammazzare il tempo”, tratto da “Auto da Fè”.

Tipologia B, saggio breve o articolo di giornale, ambito scientifico: Hans Jonas, “Principio di responsabilità, un’etica e la civiltà tecnologica.”

Tipologia B, ambito artistico-letterario: Il labirinto.

Tipologia B, ambito socio-economico: “La crisi e i giovani con brani di Steve Jobs. Rapporto Censis sul lavoro”.

Tipologia B, ambito storico-politico: “Hanna Arendt e lo sterminio degli ebrei.”

Tipologia carattere generale: “Sfide e sogni delle nuove generazioni”.

Google+
© Riproduzione Riservata