• Google+
  • Commenta
1 giugno 2012

L’associazione nazionale magistrati sezione di Taranto ricorda il giudice Falcone

Il 25 maggio nell’aula Alessandrini di palazzo di giustizia a Taranto, si è tenuto la commemorazione del ventennale della strage di Capaci, in cui, il 23 maggio 1992, morirono i colleghi Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, nonché i tre agenti della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani.  L’iniziativa è stata organizzata dalla sottosezione di Taranto dell’Associazione nazionale magistrati.

L’evento, è stato chiamato «A vent’anni dalla strage di Capaci – Il valore della memoria – Incontro con i cittadini e gli studenti», ha visto la partecipazione di delegazioni di studenti e insegnanti delle scuole superiori della provincia di Taranto, per testimoniare la volontà di continuazione di un percorso di educazione alla legalità e di vicinanza alle istituzioni, che la sottosezione di Taranto dell’Associazione nazionale magistrati  ha già intrapreso da qualche anno con le scuole della provincia di Taranto.

Tra i relatori, nomi altisonanti della giustizia italiana. Il Dott. Carriere; il segretario nazionale dell’Anm Maurizio Carbone; il professor Enzo Basile, fratello dell’ufficiale dei carabinieri ucciso dalla mafia e Tilde Montinaro,  sorella del caposcorta Montinaro Antonio e presidente dell’associazione «Nomeni». Il discorso della signora Tilde Montinaro è stato molto emozionante. «Mia madre 17 anni fa inaugurò la scuola di Brindisi loco del tragico attentato di sabato scorso. Melissa Bassi era anche nostra figlia, negli occhi di suo padre ho rivisto il dolore che provò mia madre 20 anni fa».

 

Google+
© Riproduzione Riservata