• Google+
  • Commenta
13 luglio 2012

ACSI: insieme contro la sarcoidosi

In Italia sono tante le malattie poco conosciute e, pertanto, difficilmente curabili.

Lo Stato non da la giusta attenzione a determinate malattie perché considerate poco “proficue” dalle lobby farmaceutiche, le quali preferiscono notevolmente produrre medicinali a larga diffusione che investire e creare delle cure per una ristretta cerchia di sfortunati che hanno contratto patologie rare e poco diffuse.
Anche la sanità, dunque, segue le logiche del mercato economico, trasformando i drammi in occasioni di lucro e le persone ammalate e le cure che potrebbero salvarli in delle merci di scambio.

Il sistema sanitario, in tutto ciò, anziché farsi protettore e sostenitore dei più deboli e sfortunati, si adegua ai dogmi dettati dalle case farmaceutiche e, in tal modo, lascia solo chi patisce la malattia ma anche chi si impegna a fondo per cercare delle cure, come i tanti ma isolati medici che si battono perché questo sistema cambi.

Una delle malattie in questione è la sarcoidosi. Essa è una malattia infiammatoria che attacca diversi organi, in particolare i polmoni.

La sua gravità e la sua diffusione sono altamente sottovalutate in Italia, tant’è vero che non si ha una stima precisa del numero di persone che ha contratto questa malattia.

L’incidenza che essa è in grado di avere sulla qualità della vita delle persone è molto spesso debilitante, anche fino al 100%.

In Italia sono pochissimi i centri specializzati nello studio e nella cura della sarcoidosi, che nel 50% dei casi diviene cronica, e altrettanto confusa e sterile è l’assistenza statale su questo tipo di malattie che varia da regione a regione.

Il sottovalutare la malattia, in questo quadro già di per sé molto difficile, non fa nient’altro che aggravare la situazione e, su questa scia, questo comporta ritardi negli interventi che, di conseguenza, fanno aumentare le probabilità che essa diventi cronica.

Benché la situazione possa scoraggiare c’è chi invece non si scoraggia, non si arrende ma crede che le cose possano cambiare e che si possa dare una mano sostanziale alle persone affette da questa grave malattia.

Proprio con questo spirito è recentemente nata la “ Associazione Nazionale per la Ricerca e l’Assistenza integrata alla sarcoidosi (ACSI)”, una associazione composta da persone che hanno avuto contatto diretto o indiretto con la malattia e che si sono poste l’obiettivo di diffondere conoscenza e informazione su questa sottovalutata patologia e di creare opportunità di dialogo con lo Stato.

Un’iniziativa importante per aiutare chi, nonostante un estremo bisogno di aiuto, viene ignorato da coloro che dovrebbero offrire un sostegno concreto e rassicurante

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy