• Google+
  • Commenta
22 giugno 2012

http://www.controcampus.it/2012/05/liberare-la-speranza-in-unical-con-libera-fondazione-don-milani-e- scuola-di-barbiana/

DotNetCampus 2012 a Unical

Le “Notti bianche” all’Unical si svolgono in più luoghi specifici e non faranno certo sentire la mancanza di incontri artistici, sportivi, cinematografici, di intrattenimento e culturali

Unical

Unical

Persino i patiti del calcio non avranno da lamentarsi, considerata la possibilità di vedere in cinerama le partite del Campionato Europeo di calcio in corso.

Non c’è che dire l’ambientazione è quella del Campus universitario a tutto tondo, dal Centro Residenziale, piazzale Aula magna, Centro sportivo, Anfiteatro polifunzionale, al Teatro Auditorium, allo University club, in piazza Chiodi, nel parcheggio d’Ingegneria, nell’ottica di una piena vivibilità della comunità dell’Unical che si apre sempre di più all’esterno.

In questa direzione – ha spiegato il rettore nella presentazione dell’iniziativa qualche giorno fa – va “l’idea … di aprire il campus nelle ore notturne non soltanto alla comunità universitaria, ma all’intero territorio calabrese.
Si tratta della prima esperienza in questo tipo di formula a cui si apre l’Unical, in occasione dei quarant’anni dell’Ateneo“.

Un occhio alle comunità terremotate della regione Emilia Romagna è tenuto aperto durante le tre nottate per permettere atti di solidarietà che non devono mai mancare.

Nei punti di maggiore affluenza sono allestiti dei punti ristoro e sono stati potenziati i collegamenti verso il Campus d’Arcavacata.

Abbiamo cercato di fornire un’offerta culturale variegata che toccasse più discipline, alternando momenti d’approfondimento culturale di grande spessore ad altri più “leggeri”.

A partire dal tramonto fino quasi all’alba, è possibile ballare, assistere a spettacoli teatrali e rassegne cinematografiche, presentazioni di libri, ascoltare musica di tutti i generi, seguire i Campionati Europei di calcio attraverso uno schermo gigante, visitare i laboratori di Chimica, Fisica e Meccanica, il museo di Paleontologia, il Centro d’eccellenza per il calcolo ad alte prestazioni, il Centro linguistico e le biblioteche d’Ateneo.

La stessa lunga programmazione della rassegna “CampusCinema100. Visioni italiane in 100 film”, è inserita nel programma delle Notti Bianche Unical, proponendo tre lunghe maratone dedicate al cinema italiano di genere degli anni ’60 e ’70.

  • Nella serata del 21 giugno, dedicata al genere “poliziottesco”, sono stati proiettati
    • Milano Nera” di Gian Rocco e Pietro Serpi,
    • Milano Calibro 9” di Fernando Di Leo,
    • Roma a mano armata” e “Napoli violenta” di Umberto Lenzi.

Ad aprire la maratona è stata la presentazione del videoclip “Donnie B good” del gruppo reggino (Allmyfriendzare) DEAD, alla presenza degli autori del video e della band, che in questo videoclip hanno perfettamente ricreato le atmosfere dei B-movie anni ’70.

  • Venerdì 22 giugno è la volta del “western politico” con la proiezione di
    • Quién Sabe?” di Damiano Damiani,
    • “Requiescant” di Carlo Lizzani,
    • Se sei vivo spara” di Giulio Questi
    • Corri uomo corri” di Sergio Sollima.

Per il sabato 23 giugno, la serata dell’ultimo appuntamento con le Notti Bianche si aprirà con la visione di “Tatanka”, adattamento realizzato da Giuseppe Gagliardi del racconto di Roberto Saviano intitolato “Tatanka Scatenato”.

  • Le proiezioni riprenderanno poco dopo la mezzanotte in una nottata dedicata al “fantahorror”, con i film
    • Non si sevizia un paperino” di Lucio Fulci,
    • Diabolik” di Mario Bava
    • Satanik” di Piero Vivarelli.

Anche i fossili rimarranno svegli … infatti, il Museo di Paleontologia parteciperà agli eventi delle Notti Bianche Unical con una apertura straordinaria nei giorni delle “Notti Bianche”, dalle ore 20:00 fino all’1:00 a.m.
Durante le notti bianche saranno proiettati alcuni film divulgativi sulla nascita e l’evoluzione della vita sulla Terra, commentati da Adelaide Mastandrea, Anna Rao, Adriano Guido, Fabio Tosti e Franco Russo.

E ora facciamo una carrellata di ciò che è stato e di ciò che sarà a breve e a medio termine.

Durante la prima serata si sono avvicendati Giulio Rapetti Mogol, protagonista della conferenza sul tema “Identità e valore della cultura popolare”, Gerardo Sacco con le sue creazioni orafe e Sergio Schiavone, dando vita a momenti di altissimo interesse scientifico e culturale, tra musica, teatro, cinema e osservazione delle stelle.

Nella serata del 22 giugno il primo appuntamento, alle ore 20 è con un testo-inchiesta “Codice rosso. La sanità tra sperperi, politica e ‘ndrangheta”, in stampa da Pellegrini. Il libro sarà presentato dai due autori, Arcangelo Badolati della Gazzetta del Sud e Attilio Sabato, direttore di “Teleuropa Network”.
Saranno presenti Angela Napoli, deputata Fli, Pierpaolo Bruni, Pm Antimafia DDA Catanzaro, Ercole Giap Parini, docente del dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Unical e Filippo Veltri, Caporedattore Ansa della Calabria.

Ci si potrà spostare nell’anfiteatro del Centro residenziale, dove si segnala, alle 21, il Concerto dell’Orchestra Popolare Calabrese, a cura del Centro interdipartimentale di documentazione demo antropologica.

Alla fine del concerto, chi non abbia fatto incetta di presentazione di libri, avrà l’imbarazzo della scelta: viene presentato il libro di Franco Crispini: “del Populismo. Indicazioni di lettura”: all’incontro parteciperanno l’autore e i docenti Enrico Caterini, ordinario di Diritto privato e Gian Pietro Calabrò, ordinario di Filosofia del diritto nell’ateneo di Arcavacata., intorno alle 21,30, presso l’Anfiteatro stesso.

Più tardi, alle 22,30, si potrà assistere alla presentazione del libro di Enzo Romeo: “L’invisibile bellezza – Antoine de Saint Exupéry cercatore di Dio” (ed. Ancora).

Sempre nel centro sportivo, alle 22,30, si esibiranno i “Movimento Zero”, mentre in piazza Chiodi saranno di scena gli “Amanita”.

Nel piazzale antistante l’Aula Magna, invece, appuntamento, alle 23, con la commedia brillante “Spari e dispari”, con Paolo Mauro e Francesco Aiello; quindi, alle 00,30, si esibiranno gli “Acustico Trio Band” (Moraca, Tancredi e Anzani), mentre alle 02, sarà il turno della Live Musica e animazione di Radio Sound.

Nell’anfiteatro del Centro residenziale, infine, toccherà, alle 01,30, a “I ragazzi del jukebox”, mentre alle 03,00 saranno di scena i “Coribanti”.

Alle 23, ci saranno gli attesi Monologhi di Davide Carpino.

Sempre nell’anfiteatro del Centro residenziale, alle 24, sarà presentato il volume: “Storia di una matita” di Michele D’Ignazio (ed. Rizzoli). Alla discussione Domenico Cersosimo e Piero Fantozzi, docenti dell’Unical.

La serata è pregna di accadimenti anche sportivi e artistico musicali. Nel piazzale antistante l’Aula Magna, intanto, il maxischermo manderà in onda per gli appassionati di calcio, dalla ore 20,45, il secondo quarto di finale degli europei 2012. Continuerà inoltre il torneo di calcetto nel centro sportivo, struttura nella quale sono previsti anche balli caraibici, balli latino americani e disco music.

Anche la seconda delle Notti Bianche Unical sarà caratterizzata dalle interessanti illustrazioni scientifico-divulgative sulla volta celeste del prof. Franco Piperno che, dopo una prima parte in Aula Magna, prevista alle 22,30, dalle 01,15 intratterrà l’uditorio nel piazzale di Ingegneria.

Anticipiamo una chicca per la terza serata di sabato 23 giugno: alle ore 22.00, nell’Anfiteatro del Centro Polifunzionale dell’Università della Calabria, ci sarà modo di apprezzare il nuovo progetto artistico-musicale di Rosa Martirano, la cantautrice calabrese considerata fino ad oggi tra le voci più belle del panorama pop jazz italiano.

La novità di Rosa Martirano è l’approdo al suo primo album, interamente scritto da lei, composto in dialetto calabrese: “La curpa è di l’amuri”, dopo le numerose esperienze in vari generi e con alcuni grandi della musica italiana e internazionale, da Claudio Baglioni a Toot Thielemans, rimanendo soprattutto ancorata al jazz e al latin jazz.

Melina Rende

Google+
© Riproduzione Riservata