• Google+
  • Commenta
6 luglio 2012

Grotte di Pertosa: un meraviglioso ed eclettico mondo

Grotte a Pertosa
Grotte di Pertosa

Grotte di Pertosa

Fare cultura non solo tra banchi di scuola, il meraviglioso ed eclettico mondo delle Grotte di Pertosa

Da sempre la scuola riserva uno spazio alle visite culturali, a quel tipo di attività, che permettono di avere un impatto immediato con realtà e volte a favorire la conoscenza e l’orientamento, nonché a sviluppare l’aspetto relazionale e formativo di ciascun alunno.

Non meno importante, dirette all’attuazione del processo di integrazione scolastica. Conoscere non solo se stessi meglio, ma anche gli altri. Conoscere nuovi posti e soprattutto la storia che ci appartiene, le nostre origini. La storia, la geografia, le geologia, la poesia come ogni altra materia contenuta in un testo scolastico, conoscerla e questa volta facendolo attraverso un esperienza diversa e non meno importante della lettura di un testo, vivendola, attraverso un’esperienza sensoriale.

Una metodologia che permette ai giovani di acquisire conoscenza in contesti diversi da quello scolastico, in luoghi dove lo studente può affidarsi soprattutto alla propria capacità percettiva, avviando quella trasformazione dei saperi attraverso la cosiddetta trasposizione.

Grotte di Pertosa: scenario forgiato dall’acqua sotto il massiccio dei monti Alburni

Sono questi alcuni degli aspetti che l’esperienza presso  Grotte di Pertosa riescono a trasmettere. Uno scenario sotterraneo forgiato dall’acqua in 35 milioni di anni sotto il massiccio dei monti Alburni. L’accesso avviene facendosi traghettare su piccole barche trainate a braccia grazie ad un sistema di funi. Spettacolo al quale è possibile assistere anche lasciandosi incantare dalla poetica dantesca.

Se lo si volesse, è infatti con Dante in persona, che ci si può addentrare nei cunicoli scavati nelle viscere della montagna e, di caverna in caverna, incontrando Paolo e Francesca, Ulisse, Minosse, Il Conte Ugolino e molti altri protagonisti della prima cantica della Divina Commedia, si potrà conoscere luoghi incantanti segnati nelle loro conformazioni geologiche dal tempo.

Uno spettacolo in continuo movimento, dove lo spettatore e il giovane studente, interagiscono con tutto ciò che lo circonda, ruscelli, gocce d’acqua che bagnano le rocce, e nessun personaggio di cartapesta. E’ lo stesso fiume Negro che generando un laghetto ed una cascata permette di raffigurare al meglio l’Acheronte, il fiume infernale. Si prosegue il viaggio che si snoda per circa un chilometro, in giochi di luci, suoni e attori e ballerine, ma soprattutto con la “Poesia di Dante”, lo spettacolo prodotto dalla Tappeto Volante, il cui ideatore e regista è Domenico Maria Corrado, è un vero e proprio evento. Unico. Emozionante. Suggestivo.

Per le visite presso le grotte, è possibile seguire percorsi distinti: tre sono quelli “turistici”, rispettivamente di 60, 75 oppure 90 minuti, che permettono di visitare agevolmente i luoghi più suggestivi delle  grotte di Pertosa in un alternarsi di cavità enormi e cunicoli. Inoltre, vengono offerti due percorsi speleologici (fossile e attivo) di tre ore.
Un viaggio attraverso il riconoscimento delle piante tintorie della flora del Cilento e Vallo di

Diano ed i segreti della tintura dei filati e della carta con le piante spontanee. Sarà così possibile imparare a riconoscere le piante usate per la cesteria ed eseguire dei semplici cesti e scatole di canne, arbusti e graminacee.

Sarà possibile carpirne l’importanza di conservarle e l’arte di costruire giocando. Un’esperienza che lascerà i più piccoli meravigliati di capire che nelle loro mani e nella loro mente hanno milioni di anni di evoluzione.

Sarà inoltre possibile conoscere il fiume Tanagro direttamente dal fiume, navigandolo a bordo di gommoni governati da guide esperte.

Le grotte di Pertosa sono interessanti anche da un punto di vista storico e archeologico. L’uomo le ha sempre frequentate sin dalla media età del Bronzo. All’interno sono state ritrovati vari reperti, manufatti in pietra, vasi in ceramica, ossa e anche oggetti lignei che fanno pensare alla presenza di palafitte.

La visita alle grotte di Pertosa si completa nel complesso museale di Pertosa dove sono presenti un Museo Geo-speleo- archeologico che espone illustrazioni di vario tipo dei fenomeni carsici, la bio-speleologia e i ritrovamenti archeologici effettuati nelle grotte, e un Museo Botanico con una raccolta di piante alimentari che testimonia la ricca biodiversità del Parco Nazionale del Cilento (è consigliabile prenotare la visita ai musei). Nel fiume Tanagro a Pertosa, per i più sportivi, è possibile praticare, inoltre, il rafting (le informazioni sono reperibili presso le Grotte).

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy