• Google+
  • Commenta
5 luglio 2012

L’esperienza degli studenti pisani a Washington

“Innanzitutto la consapevolezza che, attraverso il dialogo e il confronto, trovare politiche condivise non è impossibile. Poi il senso di piacevolezza per l’essersi sentiti, anche se solo per una settimana, tutti uguali, semplicemente cittadini del mondo”. Forse sono queste le parole che meglio riassumono l’esperienza vissuta dai due studenti pisani di Scienze politiche che, all’inizio di giugno, hanno partecipato ai G8 & G20 Youth Summits di Washington, il più importante evento diplomatico giovanile a livello mondiale. Dario Mazzella, 27 anni di La Spezia, e Claudia Vanni, 22 anni di Pisa, hanno avuto un ruolo da protagonisti nella delegazione italiana che si è confrontata con i ragazzi provenienti da altre 20 nazioni, ricoprendo rispettivamente le cariche di “Capo di Stato” e “Press Agent”.

I due ragazzi hanno raccontato la loro esperienza nel corso di un incontro che si è tenuto in rettorato e a cui hanno partecipato anche il prorettore per gli studenti Rosalba Tognetti e il preside della facoltà di Scienze politiche Claudio Palazzolo, che hanno sostenuto l’iniziativa. “Per il secondo anno consecutivo, l’Università di Pisa ha visto scegliere tra i propri studenti alcuni membri della delegazione che ha rappresentato l’Italia ai G8 & G20 Youth Summits”, ha ricordato la professoressa Tognetti. “Infatti, già l’anno scorso, una studentessa della facoltà di Economia era stata selezionata per l’incontro di Parigi come ministro dell’Economia. Come università siamo convinti che queste esperienze sul campo siano fondamentali per formare i nostri ragazzi”. Da parte sua, il professor Palazzolo ha sottolineato che gli studi internazionali, che sono il tratto comune del percorso universitario di Mazzella e di Vanni, rappresentano il terreno più fertile non solo per comprendere la complessità contemporanea ma per dare appunto concretezza, il senso di un progetto pratico, a questa comprensione.

Dario Mazzella e Claudia Vanni hanno vissuto per una settimana nel campus della George Washington University insieme agli altri otto delegati italiani e ai duecento giovani rappresentanti degli altri paesi. Ogni giorno i team si sono riuniti per discutere di temi di rilevanza mondiale, dalle politiche ambientali, alla difesa, all’economia. Ogni “ministro” incontrava poi i colleghi degli altri paesi per discutere e trovare soluzioni che, alla fine della settimana di negoziazioni, sono state riassunte in un documento finale, poi trasmesso al tavolo dei “Grandi” riuniti al G20 ufficiale, in programma pochi giorni dopo, a Los Cabos, in Messico.

“I settori della Difesa e della Finanza hanno raggiunto risultati sorprendenti”, hanno raccontato Dario e Claudia. “Nonostante l’iniziale contrarietà della Russia, grazie alla mediazione dei Paesi dell’UE è stato raggiunto l’accordo sullo scudo antimissilistico europeo, mentre il comitato sulla Finanza ha proposto un meccanismo di controllo sugli “Hedge Fund”, di cui poi i “Grandi” hanno ridiscusso al vertice ufficiale”. E un ruolo fondamentale è stato giocato proprio da Dario Mazzella, che come mediatore è riuscito ad abbattere le tensioni tra paesi occidentali e BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa) nel settore ambientale. Mentre Claudia Vanni è stata la “voce” ufficiale da Washington, tenendo un report giornaliero del summit – pubblicato anche sul sito dell’Università di Pisa – e scrivendo anche per giornali on line statunitensi.

Il bilancio dei Summits di Washington è sicuramente positivo per i due ragazzi, che hanno vissuto un’esperienza unica nel loro percorso formativo. Dario è laureato in Scienze politiche e internazionali con 110/110 all’Università di Pisa e ha una laurea specialistica in Politiche e Relazioni Internazionali, oltre che un master in Governance politica; è attualmente iscritto al primo anno del corso di dottorato in Geopolitica, sempre presso la facoltà di Scienze politiche dell’ateneo pisano. Claudia si è laureata in Scienze politiche internazionali pochi giorni dopo il rientro da Washington ed è giornalista pubblicista iscritta all’Ordine della Toscana; ha iniziato a esercitare la professione all’età di 17 anni, facendo esperienze nel campo del giornalismo televisivo, presso un’emittente locale, 50Canale; ha poi sperimentato il giornalismo radiofonico e l’ufficio stampa.

Google+
© Riproduzione Riservata