• Google+
  • Commenta
9 luglio 2012

Lettera a Napolitano per i tirocinanti del MAE-CRUI

Questa mattina alcuni studenti vincitori del II bando del Tirocinio Mae-Crui 2012 hanno inviato una lettera aperta al Presidente della repubblica Giorgio Napolitano per far conoscere la loro attuale situazione: vincitori di un bando pubblico che al momento è sospeso. Una sospensione che li interessa da già una settimana e che, ad oggi, non sembra avere una conclusione.

A questo punto l’esigenza di dar voce ai “Mae-cruini” attraverso questa lettera che spiega le emozioni, la volontà di voler partire e il dispiacere di rimanere in stand-by. Pubblichiamo integralmente il contenuto della lettera:

“Illustrissimo Signor Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano,
a scriverLe sono alcuni dei vincitori del programma di tirocinio presso il Ministero degli Affari Esteri, promosso dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (programma MAE/CRUI). Il motivo che ci spinge a indirizzarLe la presente lettera è la situazione in cui versiamo da più di una settimana.
Siamo i vincitori del II Bando MAE Crui 2012, il progetto che da ben 11 anni premia il futuro dell’Italia dando la possibilità a laureandi e neolaureati meritevoli, di poter svolgere dei mesi on the job  presso le sedi estere, ed italiane, del Ministero degli Affari Esteri. Progetto importante, ma totalmente a carico dei partecipanti, condizione comunque da noi accettata al momento della candidatura. Il bando di cui parliamo è stato chiuso il 4 maggio e ai vincitori è stata data comunicazione della sede di destinazione a partire dal 25 giugno. Alcuni di noi per questo motivo avevano già cominciato a prenotare voli e alloggi a proprie spese, quando il 2 luglio gli atenei di appartenenza comunicavano che lo svolgimento del tirocinio non poteva al momento essere confermato e che la Conferenza dei Rettori apprendeva con rammarico la sospensione del programma MAE-CRUI per via dell’approvazione della nuova riforma del lavoro, la quale muta la disciplina in merito ai tirocini, rendendone obbligatoria la remunerazione (cfr. art. 1 comma 34 L. n°92, del 28 Giugno 2012).

 

Posta l’irretroattività della L. n° 92 e posto che, per esperire pienamente i propri effetti nel campo che ci riguarda, la legge stessa dovrà essere integrata, entro 180 giorni dalla sua data di entrata in vigore, con linee-guida in materia di tirocini formativi e di orientamento, in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, non è chiara la motivazione per cui si cerchi di impedire un’esperienza lavorativa a causa di una normativa che non dovrebbe influire su un bando già chiuso e con vincitori già selezionati.
Partire a settembre con una remunerazione mensile come previsto dalla nuova riforma del mercato del lavoro sarebbe certamente quell’ottimo paretiano che sappiamo di ardua realizzazione, ma fra la migliore soluzione possibile e quella peggiore (ossia non partire), noi scegliamo di partire alle condizioni del nostro bando, condizioni accettate nel momento in cui la nostra domanda di partecipazione è stata inviata al MAE. Nel suddetto bando veniva chiaramente espressa la gratuità della prestazione lavorativa e noi, per motivi di ricerca e crescita formativa e personale, abbiamo accettato questa condizione, in alcuni casi rinunciando ad altre opportunità di stage o lavorative.
Siamo consapevoli di come la L. n°92 non dovrebbe compromettere la nostra posizione, ma  preoccupati da questa sospensione sine die del programma MAE-CRUI, temiamo un possibile annullamento del nostro tirocinio e la conseguente violazione di un nostro diritto acquisito.

Qual è l’esempio che le istituzioni ci stanno dando e stanno dando al settore privato se nel momento in cui si prescrive l’obbligatorietà di una congrua indennità per i tirocinanti la risposta del Ministero degli Esteri consiste nel sospendere completamente un programma di stage?
Ci rivolgiamo a Lei perché ha sempre dimostrato quanto le stia veramente a cuore il motore del Paese, una delle più importanti risorse da sostenere e sviluppare: i giovani.

Rinnovando la nostra fiducia nelle istituzioni coinvolte (Ministero degli Affari Esteri, Istituto Diplomatico e Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) affinché possano presto affrontare la questione, ritirando la sospensione del programma e fornendoci al più presto informazioni circa le nostre partenze in settembre, ci rivolgiamo a Lei perché si faccia latore della nostra richiesta presso il Ministero competente.
Certi dell’attenzione che dedicherà alla lettura di questa nostra lettera,

Le porgiamo i nostri più cordiali saluti,

I vincitori del II Bando MAE-CRUI 2012″

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy