• Google+
  • Commenta
15 luglio 2012

L’Università non va in vacanza a Ravenna

Per tutti i mercoledì di luglio è in programma un incontro all’interno di una rassegna stampa estiva nella sede di Ravenna dell’Alma Mater Studiorum. Gli appuntamenti si tengono alle 21,30 fino al 25 luglio, presso l’anfiteatro della Banca Popolare di Ravenna, che collabora all’evento insieme al Polo scientifico-didattico di Ravenna dell’Università di Bologna e all’Associazione Flaminia Bologna. L’associazione è un’istituzione privata senza fini di lucro e sostiene l’attività didattica e di ricerca dei Corsi universitari ravennati, individua e realizza iniziative di orientamento universitario e di promozione dei Corsi di studio ravennati, predispone servizi e strutture idonei a favorire la presenza stabile degli studenti (servizio abitativo, servizi culturali e del tempo libero), oltre ad accompagnare gli studenti laureati nel mondo produttivo territoriale.

Una serie di lezioni al chiaro di luna per tutti e a ingresso libero dedicate a temi di attualità: dall’evasione fiscale al patrimonio culturale, dall’inquinamento da farmaci alla mappa archeologica della città. Dopo quattro edizioni de “L’università va al mare”, nelle spiagge e negli stabilimenti balneari, l’impegno dei docenti e dei ricercatori della sede ravennate dell’Alma Mater si sposta in città e prosegue con “L’Università non va in vacanza”, ciclo di quattro incontri nei mercoledì dal 4 al 25 luglio. Cambia il nome ma rimane invariata la formula, ormai collaudata: gli incontri-lezione avranno un taglio leggero e affronteranno tematiche legate alla città e al territorio o ai principali filoni di studio dei corsi di laurea ravennati. L’obiettivo è quello di far uscire l’università dalle aule accademiche e avvicinarla ad un pubblico diversificato, formato non da soli studenti.

L’ottica è di aprire l’università a 360 gradi declinando le classiche lezioni accademiche per tutti, non solo agli studenti. Si parlerà di tasse ed evasione fiscale, identità e patrimonio culturale, inquinamento da farmaci e mappa archeologica della città. Si parte mercoledì 4 luglio con Andrea Carinci, che verificherà il nesso tra pressione ed evasione fiscale; si prosegue mercoledì 11 luglio con Angelo Neve, che propone una “chiacchierata geografica” per scoprire cosa c’è dietro a parole come identità, nazione, patrimonio culturale; si continua mercoledì 18 luglio, con Elena Fabbri che tratterà le conseguenze della dispersione dei residui di farmaci nell’ambiente. Infine, mercoledì 25 luglio, Enrico Cirelli dimostrerà come lo studio del sottosuolo cittadino e del suo potenziale archeologico possa essere utile alla programmazione urbanistica della città.

Consultate il programma!

Per info visitate la pagina dell’Associazione Flaminia!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy