• Google+
  • Commenta
19 luglio 2012

Mille materassi per il domino umano da Guinness

Ormai è una verità riconosciuta e consolidata: Shanghai è la capitale della creatività, dell’estro e della voglia di far parlare di sé. Lo scorso 15 luglio, infatti, la Cina ha confermato al mondo la sua presenza, firmando un nuovo world record nel libro dei Guinness.

Una vittoria di doppia importanza, tanto per la nuova medaglia conquistata, quanto per la soddisfazione di aver facilmente superato il record americano, stabilito dagli Stati Uniti lo scorso 28 febbraio. Sono bastati meno di 5 mesi per reclutare i volontari necessari ad oscurare l’impresa americana che ha visto coinvolgere 850 partecipanti.

Shanghai è riuscita a schierare 1001 uomini, fieri e motivati, per combattere la sfida curiosa del domino umano più grande del mondo. Niente tessere giganti, ma comunissimi materassi sono stati sistemati con rigore e cura all’interno di un enorme magazzino di un centro commerciale ad ovest della città.

Un lavoro di precisione millimetrica, risultato di un impegno smisurato e sentito, che ha coinvolto i mille fieri detentori del nuovo record. Il successo si è potuto raggiungere proprio grazie alla collaborazione, al lavoro di squadra e al sostegno reciproco, qualità che da sempre hanno caratterizzato i cinesi nel condurre grandi imprese.

Nella studiata disposizione, ogni materasso, posizionato verticalmente, era intervallato da un concorrente, garantendo continuità e regolarità al domino umano. Alle ore 13 in punto, ora locale, il primo uomo si è lasciato cadere sul proprio materasso, segnando l’inizio del record, durato circa 10 minuti.

L’impresa è stata seguita con attenzione dai giudici di gara attraverso un monitor, e ha lasciato senza fiato i curiosi che hanno assistito. Nessun intoppo o irregolarità si è verificato, garantendo alla Cina un nuovo posto tra i big dei Guinness World Record.

Il video del record è online qui.

Google+
© Riproduzione Riservata